ELETTRICITA' DALLA STUFA - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ELETTRICITA' DALLA STUFA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ELETTRICITA' DALLA STUFA

    Ciao a tutti
    Non ho mai partecipato attivamente a questo thread, però sono sempre stato attento alle nuove tecnologie e specialmente ai semiconduttori termoelettrici che sfruttano l'effetto Seebeck che è l'opposto del Peltier. Praticamente sfruttando il calore della stufa che andrebbe perso (quello del camino), si ottiene energia elettrica.
    Il link da visitare è QUI.
    Modulo termoelettrico da 20 Watt, (brochure) QUI.
    Mi auguro che sia di interesse per tutti.

    Salutoni
    Furio57

    Edited by Furio57 - 26/10/2005, 02:06
    Ultima modifica di mariomaggi; 03-11-2009, 18:16.
    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

  • #2
    molto interessante kome idea...<br>applicazioni potrebbero esser anche quelle di prelevare calore dietro i pannelli fotovoltaici durante i pomeriggi estivi, così da migliorarne l&#39;efficienza anche a temperature elevate? ( sui tetti fa anche 55- 60 gradi)<br><br>il brutto è che costa tantissimo&#33;&#33;&#33;<br>Possibilit&agrave; di farseli da se?<br>Furio tu sai come ipoteticamente farseli?? ( credo nn sia una passeggiata anche perkè parlano di telluro o sbaglio? )<br><br><br>scusatemi per le eventuali vaccate e attendo volentieri critiche o proposte applicative&#33;<br><br>ciao ciao&#33;&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' alt='w00t.gif'>
    www.energeticambiente.it

    www.energoclub.org

    Commenta


    • #3
      Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'> <br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (SolarPrex @ 26/10/2005, 12:06)</div><div id='QUOTE' align='left'>...potrebbero esser anche quelle di prelevare calore dietro i pannelli fotovoltaici durante i pomeriggi estivi, così da migliorarne l&#39;efficienza anche a temperature elevate? ( sui tetti fa anche 55- 60 gradi)...sai come ipoteticamente farseli?...</div></div><br>Ciao SolarPrex, scusa, ma se pensavo che si potessero installare dietro i moduli fotovoltaici, il thread l&#39;avrei postato nell&#39;argomento solare ti pare? Sia la temperatura oltre i 200° C, che il fissaggio del dispositivo è previsto solo per la stufa. Costruirsi le celle praticamente è impossibile. In qualsiasi caso, i 50° - 60° dei moduli non sono sufficienti.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'><br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 28/10/2005, 01:49</span>
      L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
      LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
      Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

      Commenta


      • #4
        <br><br>Ciao Furio,<br> ho letto il messaggio e l&#39;ho passato, effettivamente è intrigante il discorso. Fai partire la fornella, appena arriva a 250 gradi parte la ventola di rinforzo, sull&#39;aria secondaria, o primaria, o addirittura in aspirazione, poi a 400 gradi si interrompe, per riprendere poi quando si abbassa la temperatura.<br>Otterremmo un consumo ottimale anche dove non arriva la corrente elettrica.<br>Ciao<br> Osvaldo

        Commenta


        • #5
          Ciao Furio, grazie anzitutto dei tuoi contributi. Molto interessante questa cella, potrei installarla sulla canna del camino e utilizzare l&#39;energia prodotta per accendere le luci (a basso consumo) del giardino&#33; Le ventole sono indispensabili per il raffreddamento vero? <br>

          Commenta


          • #6
            <div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (sasvar @ 1/12/2005, 09:37)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao Furio, grazie anzitutto dei tuoi contributi. Molto interessante questa cella, potrei installarla sulla canna del camino e utilizzare l&#39;energia prodotta per accendere le luci (a basso consumo) del giardino&#33; Le ventole sono indispensabili per il raffreddamento vero?</div></div><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'> <br>Ciao Sasvar bentrovato&#33;&#33; si&#39; devi ventilare la parte fredda, per funzionare correttamente e&#39; necessaria una differenza di circa 200 gradi Celsius sui lati della/e cella/e.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'>
            L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
            LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
            Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

            Commenta


            • #7
              <div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 4/12/2005, 07:48)</div><div id='QUOTE' align='left'>[</div></div><br>Salve.<br>Dopo un po di assenza sono dinuovo con voi.. Ciao Furio e cio a tutti.<br>Molto molto interessante questo dispositivo...&#33; Su ebay c&#39;è ne una ma non ho capito bene la potenza..<br>Mentre le caratteristiche di questo prodotto sono molto molto dettagliate... A casa la stufa è sempre accesa.. potrei far funzionare la televisine&#33;&#33;&#33;&#33; <br>Ma qual&#39;è il prezzo?

              Commenta


              • #8
                beh... venti watt non saranno un granchè... e suppongo siano al NETTO del consumo dei ventolini. Per un camino a legna è un&#39; ottima cosa, in quando caldo che andrebbe perso, viene immesso nella stanza dai ventolini, e ne avanza anche per due piccole lampadine A.R. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'> <br><br>Se ri-usati in una CALDAIA ( da casetta) non riescono però a rendere "autosufficente" manco lei, in quanto dubito fortemente bastino per alimentare la pompa dell&#39; acqua ed il ventilatore... (100 watt l&#39;uno? ) <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/dry.gif' alt='dry.gif'> <br><br>Bisogna considerare inoltre che se sfreddo troppo i fumi del camino, si verificano problemi di tiraggio, per cui il ventilatore deve stare sempre acceso... insomma, si scalda bene il vano caldaia, ma a corrente temo si crei un bilancio fallimentare&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/sad.gif' alt='sad.gif'> <br><br>Sarebbe interessante sapere quante calorie vengono assorbite per creare quei watt..<br>Se il discorso tuttavia regge... non riesco a credere che NESSUNA ditta del settore, tra le soluzioni geniali che trovi alle fiere, abbia ancora inventato la caldaia "anti-blackout". <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/unsure.gif' alt='unsure.gif'><br><br>Per capire la potenza-dimensioni dell&#39; "impianto" proposto nel link... qualcuno sa la potenza assorbita e generata da un banale frighetto per auto da attaccare all&#39; accendisigari? L&#39;effetto è l&#39;inverso (peltier) e io so solamente che rende pochissimo... ma per trovarsi in campeggio in estate con le birre allo stato liquido e la margarina allo stato solido.. uno non sta a sottilizzare&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/laugh.gif' alt='laugh.gif'><br><br><span class="edit">Edited by marcomato - 12/12/2005, 13:03</span>

                Commenta


                • #9
                  X aumentarne l&#39;efficenza generale non conviene collegare la parte fredda all&#39;aria esterna: la stufa rende di + d&#39;inverno (t° esterna + bassa) e meno d&#39;estate (- anche i consumi). <br>Con uno scherzetto simile sarebbe possibile sfruttare temperature della caldaia + basse al costo di qualche lavoro in muratura.

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' alt='smile.gif'> <br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (demigogos @ 29/1/2006, 16:54)</div><div id='QUOTE' align='left'>X aumentarne l&#39;efficenza generale non conviene collegare la parte fredda all&#39;aria esterna: la stufa rende di + d&#39;inverno (t° esterna + bassa) e meno d&#39;estate (- anche i consumi). <br>Con uno scherzetto simile sarebbe possibile sfruttare temperature della caldaia + basse &nbsp;al costo di qualche lavoro in muratura.</div></div><br>Ciao Demigogos bentrovato&#33; Certamente&#33; Hai capito perfettamente le esigenze del dispositivo.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'><br><br><hr><br><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (marcomato @ 12/12/2005, 12:54)</div><div id='QUOTE' align='left'>...so solamente che rende pochissimo...</div></div><br>Ciao Marcomato leggi bene&#33; nel sito americano c&#39;è tutto, a meno che non ci siano problemi con l&#39;ingese, ma questa è un&#39;altra storia.Comunque poco è meglio di niente&#33; I frigo con cella di peltier assorbono una potenza di 30/50 Watt.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' alt='biggrin.gif'>
                    L' ACQUA E' IL MIGLIOR COMBUSTIBILE, BASTA SAPERLA ACCENDERE. ( Capitano Claudio F. )
                    LA DIFFERENZA TRA UN GENIO ED UNO STUPIDO E' CHE IL GENIO HA I PROPRI LIMITI...
                    Ma se "L'UNIONE FA LA FORZA", allora perchè "CHI FA DA SE' FA PER TRE"?

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao a tutti, mi chiamo Antonio.<br>Sono nuovo al forum e algi argomenti trattati ma mi piace cercare di capire per cui scusatemi se dirò delle pataccate.<br>Ho visto questa cella che, se ho capito bene produce energia a patto di avere una differenza di temperatura (meglio se di 200 gradi) tra i suoi due lati (caldo / freddo).<br>Allora pensavo...<br>Si potrebbe usare l&#39;energia solare, tramite l&#39;utilizzo di lenti o specchi per scaldare la parte calda. Con una lente di fresnell da 30cm x 30cm si raggiungono facilmente temperature di 250 gradi su una superfice grande come quella della cella. Mentre per la parte fredda si potrebbe usare l&#39;acqua. Questa, assorbendo il calore della cella si scalderebbe e potrebbe finire in un boiler per un utilizzo successivo.<br>In questo modo avremo contemporaneamente la produzione di energia elettrica e di acqua calda.<br>Che ne dite?? ho detto una bestialit&agrave;?? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2b32ff295064ff272fb958ff2a98e129.gif" alt=""><br>

                      Commenta


                      • #12
                        ciao<br>zerograssi<br><br>il ragionamento esposto da te mi semra corretto, e funzionerebbe, secondo me<br>anche se usare l&#39;effetto thermoelettrico per produzione di elettricita a un&#39;efficenza pochissima: 2-3&#37;<br>Nel tuo caso, lente 30x30 cm tu concentri energia solare di 90 Watts e teoricamente puoi produrre 2,7 W. Da 1 m2 potresti ricavare 30 w di potenza elettrica. Naturalmente avrai co-generazione di molta acqua calda.<br>Per questo motivo, penso che non abbia molto futuro, oltre che per scopo dimostrativo. Poi ci sono molti concorrenti - la macchina a vapore con 12&#37; di efficenza, i panelli solari 20&#37;, motore Stirling 30&#37;, turbina a vapore 40&#37;.<br>

                        Commenta


                        • #13
                          rivedendo le APPLICAZIONI DI QUESTA PAGINA <a href="http://www.hi-z.com/websit06.htm" target="_blank">http://www.hi-z.com/websit06.htm</a> in effetti si nota che facendo un buon lavoro, la stufa o la caldaia riescono a prodursi con effetto termoelettrico la corrente necessaria alle propie utenze...e nei casi migliori avanza pure qualche watt...<br><br>Utilisimo in luoghi remoti, dove riuscire a caricare la batteria della radio bruciando dieci chili di legna può comunque servire a chiamare l&#39;elisoccorso.<br> Da noi forse un po&#39; meno, o perlomeno i componenti da aggiungere ad un riscaldamento per renderlo autosufficente o produttivo di corrente, non si ammortizzano i tutta la vita della stufa-caldaia, rispetto ad attingere la corrente direttamente dalla rete.

                          Commenta


                          • #14
                            Siccome io non sono riuscito a trovare altre discussioni su questo "effetto termoelettrico Seebeck" che mi pare una cosa interessante posto qui i link.Ma di che grado di efficenze stanno studiando l applicazione???Energia, termoelettrica: creato processo ad elevata efficienza - GreenStyle .....Flexible heat-flow sensing sheets based on the longitudinal spin Seebeck effect using one-dimensional spin-current conducting films
                            ..

                            Commenta


                            • #15
                              L'effetto Seebeck non è altro che il principio su cui si basano le termocoppie.
                              Thermoelectric Generation
                              The simplest thermoelectric generator consists of a thermocouple, comprising a p-type and n-type thermoelement connected electrically in series and thermally in parallel. Heat is pumped into one side of the couple and rejected from the opposite side. An electrical current is produced, proportional to the temperature gradient between the hot and cold junctions.

                              I generatori su effetto Seebeck sono stati utilizati din dal XIX° secolo, uno dei più noti è la lampada russa del 1959 o la radio
                              Di recente sono state fatte campagne di Crowdfunding per generatori per ricaricare il cellulare sul fuocherello o con bruciatore autonomo.

                              Comunque attualmente a livello di efficienza si parla di un 6% massimo come per il generatore elettrico del rover maziano Curiosity, dove le pile al Plutonio da 2Kw termici producono 125 watt elettrici .
                              Tanto per avere un idea , un prodotto commerciale a fronte di 3,4kw termici fornisce 5 watt di energia elettrica :BioLite CampStove | Burn Wood, Cook Meals, Charge Gear
                              Ovvio che per ricaricare il cellulare in campeggio è più semplice usare una dinamo magari inserita nel mulinello della canna da pesca...
                              Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

                              Commenta


                              • #16
                                Grazie per aver risosto,ma li dicono di un miglioramento"10 volte superiore" rispetto ai metodi tradizionali per di più usando materiali poco costosi.
                                ..

                                Commenta


                                • #17
                                  Si, ma considera che solo quello della NASA ha il 6% di efficienza, il Campstove ha solo lo 0,15% !

                                  Quindi prima di ricavare elettricità dalla stufa, campa cavallo...
                                  Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    ad oggi io non la vedo cosi dura ricavare energia dal calore, specialmente se il calore è in ogni caso generato e buttato.

                                    Con il seebeck stiamo concludendo il progetto di un generatore(sarà commercializzato entro 6 mesi) dal quale produciamo energia elettrica destinata ad utilizzi "mobili" (camper, barche a vela, camion) con un rendimento del 5%. Con un bruciatore a gasolio o benzina da 5Kw possiamo arrivare fino a 250W lordi. Certamente per utilizzi domestici un generatore di pochi W non ha senso però se possiamo sfruttare un calore che già c'è secondo me ci possono essere applicazioni interessanti.
                                    Sempre per mezzi mobili stiamo "giocando" con dispositivi che rendono elettricamente autoufficienti stufe e riascaldatori già presenti su camper etc.

                                    ...per cui Furio57...ti consiglio di andare avanti nelle tue idee perchè l'evoluzione tecnologica, anche se molto lenta, ci aiuta

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Costa molto meno un pannello solare ed una batteria.
                                      Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        costa ancora meno collegare la spina perchè ora che recuperi quanto hai speso ne compri di kw.
                                        Su camper, barche e camion non puoi mettere quanti pannelli vuoi e il sole non c'è sempre e magari uno l'energia ce l'ha bisogno ugualmente

                                        Commenta

                                        Attendi un attimo...
                                        X