annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sicurezza sul lavoro

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    insomma, dopo tutta questa discussione sulla sicurezza quali sono le conclusioni?
    - bisogna sempre avere dispositivi di sicurezza omologati e certificati
    - dobbiamo agganciare questi dispositivi a strutture omologate e certificate
    tutto questo si porta dietro oneri, di progettazione installazione e certificazione dei dispositivi stessi, non indifferenti.
    essendo pienamente a favore della sicurezza sul lavoro e tutto quanto concerne i dispositivi per metterla in atto, al lato pratico poi, se viene proposto un costo aggiuntivo per attuare questi sistemi di protezione ( progetto, installazione, certificazione ) e su una spesa indicativa di 20-21.000 euro per un impianto Fv da 3 kWp si aggiunge anche 2-3000 euro di costi per la sicurezza, e i 500 euro per eventuale DIA, chi è che fa l'impianto? nessuno...
    ora vorrei sapere una cosa, da profano, ma per lavori che durano al massimo due - tre giorni sul tetto, occorre per forza progettare, certificare, ecc. o si può anche ovviare, lavorando comunque e sempre in sicurezza a tutto questo?

    Commenta


    • #62
      credo che quando si tocchi questo tasto, molti facciano orecchi da mercante..

      Commenta


      • #63
        Originariamente inviato da ricjet Visualizza il messaggio
        Quello che non capisco è perchè questa morte non ha provocato lo stesso scalpore che hanno suscitato altre morti tipo gli operai della Thyessen?<br><br>
        Semplicemente perchè non siamo sotto elezioni e non c'è un "sopravvissuto" da candidare, certa gente venderebbe la madre per un voto..

        Commenta


        • #64
          Mi sembri catastrofico .....
          Originariamente inviato da mambrino Visualizza il messaggio
          - bisogna sempre avere dispositivi di sicurezza omologati e certificati SI
          - dobbiamo agganciare questi dispositivi a strutture omologate e certificate dipende
          tutto questo si porta dietro oneri, di progettazione installazione e certificazione dei dispositivi stessi, non indifferenti.Non è detto , posso montare linee vita "provvisorie" !
          per un impianto Fv da 3 kWp si aggiunge anche 2-3000 euro di costi per la sicurezza, si puo spendere molto e i 500 euro per eventuale DIA a cosa ti serve ?
          esistono 2 possibiltà
          linee vita permanenti abbastanza costose subito ma ammotizzabili nel tempo
          linee vita provvisorie meno costose : la monti fai i lavori la smonti e te ne vai Il tutto dipende da come hai organizzato il cantiere ....
          NB le certifiazoni dei dpi ed i dpi stessi non sono usa e getta si utilizzano nei vari cantieri cosi come pos

          Cioao da Recoplan

          Commenta


          • #65
            io sapevo che le linee vita non sono " fai da te " ma vanno fatte installare da aziende specializzate che debbono rilasciare la certificazione.
            in che senso a cosa mi serve la Dia? se il comune la richiede, e la richiede, bisogna farla.. e costa..

            Commenta


            • #66
              La legge prevede per i lavori eseguiti ad un'altezza superiore a 2 m la predisposizione di idonee opere provvisorie quali ponteggi e parapetti. Deroghe a tali disposizioni possono essere concesse nei casi in cui i soli lavori di breve durata (ispezioni, semplici manutenzioni, rilievi ecc.)
              non mi pare debbano essere pplicate da ditte specializzate, solitamente vengono adoperate da aziende edili

              Commenta


              • #67
                Personalmente ho progettato, fatto DL e resposabile sicurezza per 1 solo impianto da 3 KW con 2 stringhe su 2 falde diverse e, avendo trovato la ditta sensibile, ho fatto installare dei parapetti (tavole fissata su guardiacorpo). Inutile dire che il tempo di installare e disintallare il tutto quasi quasi corrisponde al tempo impiegato per installare i pannelli sul tetto, ma ne vale la pena per tutti me compreso. E poi c'è poco da fare la 494 lo richiede espressamente e richiede anche il PSC oltre che il relativo POS a carico dell'installatore.

                Ciao a tutti.

                Commenta


                • #68
                  Originariamente inviato da mambrino Visualizza il messaggio
                  io sapevo che le linee vita non sono " fai da te " ma vanno fatte installare da aziende specializzate che debbono rilasciare la certificazione. io parlavo di quelle provvisorie ....
                  in che senso a cosa mi serve la Dia? se il comune la richiede per il FV o per istallare la Linea Vita
                  Il discorso linee vita è molto complesso : forse ti conviene , prima leggerti un buon libro sulla normativa ....
                  Originariamente inviato da led72 Visualizza il messaggio
                  .... ho fatto installare dei parapetti (tavole fissata su guardiacorpo)
                  La sicurezza sul lavoro deve essere "valutata" ... mi spiego meglio
                  forse , visto la brevità del'intervento e le poche persone sul tetto conveniva (economicamente , senza nulla togliere alla sicurezza) una o (due) linea vita provvisoria : i Progettisti a questo servono !

                  ciao da Recoplan

                  Commenta


                  • #69
                    Originariamente inviato da recoplan Visualizza il messaggio
                    Il discorso linee vita è molto complesso : forse ti conviene , prima leggerti un buon libro sulla normativa ....


                    La sicurezza sul lavoro deve essere "valutata" ... mi spiego meglio
                    forse , visto la brevità del'intervento e le poche persone sul tetto conveniva (economicamente , senza nulla togliere alla sicurezza) una o (due) linea vita provvisoria : i Progettisti a questo servono !

                    ciao da Recoplan
                    Mah, a dir la verità ho frequentato qualche anno fa il corso ex-lege 494/96, ma di linee a vita provvisorie non ne ho mai sentito parlare.Le linee vita sono previste e ben codificate con tanto di certificazione obbligatoria ma sono "fisse" cioè facenti parte a tutti gli effetti del tetto.
                    Se per provvisoria intendi un cavo collegato ad un camino o qualcosaltro la norma richiede un calcolo statico fatto da un tecnico abilitato che attesti che l'ancoraggio sia sufficiente per assicurare l'omino che ci resta attaccato se cade dal tetto.
                    A me questo risulta, se poi qualcuno è più aggiornato ben venga ma deve citarmi legge e articoli....

                    Saluti.

                    Commenta


                    • #70
                      Originariamente inviato da led72 Visualizza il messaggio
                      Mah, a dir la verità ho frequentato qualche anno fa il corso ex-lege 494/96, Forse dovresti aggirnarti , sopratutto se concerne il tuo lavoro
                      A me questo risulta, se poi qualcuno è più aggiornato ben venga ma deve citarmi legge e articoli... Se ti interssano puoi trovarli facilmente
                      Vi allego un esempio commerciale
                      File allegati

                      Commenta


                      • #71
                        Originariamente inviato da recoplan Visualizza il messaggio
                        Vi allego un esempio commerciale

                        anche un'azienda con cui collabora che cura per me le installazione ha kit "mobili".
                        con imbraghi da 2,5 a 10 mt, con rollo di bindella dietro con abs anticaduta ed antishick , attacco frontale o su schiena, e con punto base non necessariamente legata una un lifeline fissa.

                        Saluti,
                        Andrea
                        TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
                        http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
                        web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

                        Commenta


                        • #72
                          Originariamente inviato da led72 Visualizza il messaggio
                          Mah, a dir la verità ho frequentato qualche anno fa il corso ex-lege 494/96,
                          io sono stato a tanti incontri per il nuovo testo unico, nemmeno i periti legali ed i legislatori sanno bene come interpretare le nuove norme, figurati se corsi di qualche anno fa sono attuali.
                          purtroppo e' un mondo dove si dovrebbe spendere mille di tempo e soldi per informarsi, o riveolgersi una tantum a professionisti che fanno solo quello...

                          saluti,
                          Andrea
                          TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
                          http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
                          web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

                          Commenta


                          • #73
                            Originariamente inviato da kidcosistemi Visualizza il messaggio
                            rega', tutto va bene per aumentare la sicurezza, ma se si vuol essere veramente a norma i sistemi sono pochini:
                            ponteggio.
                            parapetto.
                            imbracatura ancorata su linee vita calcolate da ingegnere strutturista.
                            imbracatura ancorata su punti di ancoraggio calcolato da ingegnere strutturista:
                            La montagna, soprattutto in questa stagione, è frequentata da legioni di rocciatori.
                            I chiodi, o gli spit, sono tutti rigorosamente posati "fai da te", senza nè la supervisione nè la firma di alcun ingegnere, nè strutturista nè chimico.
                            Ed anche le linee delle ferrate: sono poste da volontari che hanno la preparazione tecnologica del muratore praticone...
                            E gli incidenti in montagna, in percentuale, sono invero pochini... e dovuti per lo più a scariche di sassi dall'alto.
                            Però, obiettivamente, ad arrampicare in montagna ci va gente che ha quel minimo (ma proprio minimo!) di preparazione necessaria, ma soprattutto di gente che PENSA.
                            Non si andrà molto lontano fino a che non si stabilirà il principio che chi è in un cantiere deve PENSARE a quello che fa, e chi non ne è capace non può e non eve stare in un cantiere.
                            Perchè ci si può inventare tutti DPI possibili ed immaginabili, ma non basteranno mai ad impedire che la gente si faccia male se NON PENSA.
                            Perchè, ricordiamocelo: così come "è impossibile fare un programma a prova di stupido perchè gli stupidi sono troppo ingegnosi", così pure è impossibile creare un sistema di sicurezza per gli stupidi.
                            http://voglioilfotovoltaico.blogspot.com/

                            Commenta


                            • #74
                              Originariamente inviato da recoplan Visualizza il messaggio
                              Vi allego un esempio commerciale
                              Per me il problema permane ovvero essendo "mobile" la sua sicurezza dipende da chi la usa ovvero dai punti di ancoraggio: pertanto deve esserci qualcuno che ti dice dove e deve dimostrare il perchè ovvero fare 2 calcoli.
                              La regione del mio scetticismo per questa soluzione è tutta qui ovvero il dubbio che l'installatore pur avendo DPI in regola li usi in modo improprio perchè fanno risparmiare tempo e denaro.

                              Commenta


                              • #75
                                Originariamente inviato da andreaporta Visualizza il messaggio
                                io sono stato a tanti incontri per il nuovo testo unico, nemmeno i periti legali ed i legislatori sanno bene come interpretare le nuove norme, figurati se corsi di qualche anno fa sono attuali.
                                purtroppo e' un mondo dove si dovrebbe spendere mille di tempo e soldi per informarsi, o riveolgersi una tantum a professionisti che fanno solo quello...

                                saluti,
                                Andrea
                                Può essere, infatti il mese prossimo seguirò un corso ad-hoc sul nuovo testo unico, ma avendoci dato una letta veloce mi pare che incorpori tutto il vecchio 494 pertanto quello che so non dovrebbere essere tanto diverso......
                                Per quanto riguarda la soluzione sponsorizzata da Recoplan e da te sulle linee vita mobili o simili ricordo benissimo che il docente sulla 494, nonchè ispettore provinciale in materia di sicurezza sul lavoro (in parole povere chi ti fa il verbale sul cantiere...), ha espressamento sottolineato il fatto che tali soluzioni per essere attuate devono prevedere una relazione di calcolo per dimostrare che gli ancoraggi "mobili" sopportino l'eventuale carico.
                                Cosa che mi pare molto logica per non dire scontata.
                                Ciao.

                                Commenta


                                • #76
                                  Originariamente inviato da led72 Visualizza il messaggio
                                  A me questo risulta, se poi qualcuno è più aggiornato ben venga ma deve citarmi legge e articoli....
                                  Originariamente inviato da led72 Visualizza il messaggio
                                  ha espressamento sottolineato il fatto che tali soluzioni per essere attuate devono prevedere una relazione ...
                                  Quello che dici è prassi consoldata : nel POS il responsabile tecnico della azienda aggiunge una paginetta nella quale SCRIVE :
                                  dove attacca la lina vita provvisoria (ad esempio trave IPE 250) magari allegando qualche foto ,
                                  fa qualche calcolo sul rischio di pendolamento e sulla altezza da terra
                                  e specifica marca modello e numero di matricola dei dpi utilizzati

                                  Ciao da Recoplan

                                  Commenta


                                  • #77
                                    ....... e con questo torniamo a quanto ho sempre affermato:
                                    chi spende di più non è detto che sia più bravo, più spesso ha una scarsa conoscenza della normativa e fa di più di quello che è richiesto, o lo fa in modo sbagliato, perdendo tempo, e incrementando i costi per il cliente......

                                    chi fa prezzi buoni, probabilmente non è perchè fa tutto in nero, ma perchè ha standardizzato certe procedure e non perde tempo inutilmente, cioè è semplicemente più bravo

                                    Commenta

                                    Attendi un attimo...
                                    X
                                    TOP100-SOLAR