Tensione corretta per alimentazione inverter - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tensione corretta per alimentazione inverter

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tensione corretta per alimentazione inverter

    Salve a tutti,

    ritorno su questo forum dopo ben 7 anni di assenza.
    A breve farò installare sul tetto di casa un nuovo impianto fotovoltaico con una potenza di 3 kW.
    La falda del tetto è esposta a Sud-Est e soffre di un ombreggiamento il tardo pomeriggio.
    Mi hanno proposto di utilizzare un inverter Fronius Primo 3.0 dotato di due tracker MPP e di progettare l’impianto su due strighe indipendenti per ridurre il più possibile le perdite per ombreggiamento.
    I pannelli che mi hanno proposto sono i Luxor Eco Line, mi sembrano pannelli onesti, con un buon rapporto qualità/prezzo ma niente di eccezionale.
    Ho dei forti dubbi sul fatto che la tensione di ingresso all’inverter con due sole strighe sia decisamente troppo bassa, si tratta di pannelli con 30.75 V nominali, di conseguenza 30.75x6=184.5 V, inoltre in condizioni di caldo la tensione andrà a calare ulteriormente. L’inverter in questione ha un campo di funzionamento MPP da 200 a 800 V, quindi mi troverei sempre sotto il punto di lavoro. Non ho altra scelta che utilizzare una sola stringa?
    Cè qualche modo per risolvere il problema di ombreggiamento che si presenterà il pomeriggio? Mi hanno proposto di utilizzare pannelli con ottimizzatori oppure micro-inverter, ne vale la pena?
    Ringrazio
    Saluti!

  • #2
    Ho due impianti FV sul tetto dell'ufficio, uno di mia proprietà e uno del proprietario dell'immobile. Il primo ha 12 moduli di diversa potenza e di diversa marca, buttato sul tetto con i moduli refusi che si sono accumulati con i diversi montaggi. L'impianto monta anche 12 microinverter dedicati. Il secondo impianto ha una potenza più alta con un inverter di stringa tradizionale.
    Abbiamo allacciato lo stesso giorno e si sono presentati i primi problemi con il primo impianto a microinverter proprio per la nostra totale inesperienza nel settore microinverter. Abbiamo perso 15 gg tra telefonate al costruttore e tentativi vari sul tetto. Abbiamo allacciato nel mese di maggio con un bellissimo sole.
    Una volta a regime però c'è stato il sorpasso ....

    Commenta


    • #3
      Come hai fatto ad allacciare 12 microinverter in italia per la CEI 0.21 ?
      AUTO BANNATO

      Commenta


      • #4
        fino a 3 KW è possibile

        Commenta


        • #5
          Hai ragione pero' ci vuole SPI esterna, quindi costo improponibile ed e' per quello che sono nati morti....
          AUTO BANNATO

          Commenta


          • #6
            Ciao spider61,

            probabilmente a loro non è costato tantissimo (come installatori penso) e penso anche l'abbiamo fatto solo per riuscire a "riciclare" in maniera decente i "moduli refusi che si sono accumulati con i diversi montaggi" probabilmente anche di misure diverse, altrimenti condivido pienamente l'assoluta non convenienza, anche se chi li vende sostiene che rendono un 35/40% e passa di più, rispetto ai normali inverter (gli piacerebbe fosse vero). A me per un impianto da 3 kw con 12 pannelli e 12 microinverter avevano chiesto 10.000 euro + iva, prezzi assurdi.

            Commenta


            • #7
              Se ne era gia' scritto nelle discussioni sui micro e opti.... ciao
              AUTO BANNATO

              Commenta


              • #8
                Un impianto da 3 Kw con microinverter si vende a 8.000 max 9.000 euro iva compresa ....
                La discriminante nel prezzo sono gli oneri della sicurezza

                Commenta


                • #9
                  Appunto , 2/3000€ in piu' , adesso senza CE , sono buttati via....
                  AUTO BANNATO

                  Commenta


                  • #10
                    perché senza CE?

                    Commenta


                    • #11
                      C'e ancora il Conto Energia adesso ?
                      AUTO BANNATO

                      Commenta


                      • #12
                        Non avevo capito che CE sta per Conto Energia.
                        A mio avviso, un impianto fotovoltaico deve essere comunque performante anche senza incentivo.

                        Commenta


                        • #13
                          Si , il problema e' che adesso con SSP (che calera' e se rimarra') + detrazione + autoconsumo (ma anche questo tendera a calare visto che aumenta il fisso e diminuisce il kwh) , non mi interessa mettere una cosa che costa il 50% in piu' per avere cosa : il 5% di produzione in piu' ? l'impianto deve costare il meno possibile e ripagarsi il prima possibile
                          .
                          Comunque argomento micro e economico , ampioamente dibattuto in altre discussioni apposite , qui siamo OT
                          AUTO BANNATO

                          Commenta


                          • #14
                            Il preventivo che mi hanno fatto per il fronius 3kW + 12 pannelli luxor eco line 250w + chiavi in mano è di 6.000 euro.
                            se mi dite che l'impianto con gli ottimizzatori costa 2.000 - 3.000 euro in più dubito che ne valga la pena...

                            riguardo agli ottimizzatori cosa potete dirmi? potrebbero essere utili nel mio caso?
                            e per quanto riguarda la tensione di stringa bassa fuori dal range di funzionamento MPP dell'inverter? è un problema grave lavorare a 180 V anzichè i 200 V di targa inverter?

                            grazie

                            Commenta


                            • #15
                              mi sembra di capire che solo con l'inverter non raggiungi la tensione di spunto per farlo accendere. In questo caso i microinverter forse potrebbero davvero aiutarti

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da johnsurf Visualizza il messaggio
                                è un problema grave lavorare a 180 V anzichè i 200 V di targa inverter?
                                Guarda che non esiste solo il Fronius di inverter , c'e' ABB PVI 3.0 con 2 mppt , anche lo SMA 3000TL , oltre a questo se anche li metti tutti in serie sia ABB che SMA , hanno il software che "gestisce le ombre" e comunque con ombra entrante nel tardo pomeriggio con falda a SE , non ti fa' perdere chissacche , quindi vai di inverter singolo e cerca se anche il fronius ha lo scan periodico .....
                                AUTO BANNATO

                                Commenta


                                • #17
                                  Ciao johnsurf,

                                  Originariamente inviato da johnsurf Visualizza il messaggio
                                  Il preventivo che mi hanno fatto per il fronius 3kW + 12 pannelli luxor eco line 250w + chiavi in mano è di 6.000 euro.
                                  se mi dite che l'impianto con gli ottimizzatori costa 2.000 - 3.000 euro in più dubito che ne valga la pena...

                                  riguardo agli ottimizzatori cosa potete dirmi? potrebbero essere utili nel mio caso?
                                  e per quanto riguarda la tensione di stringa bassa fuori dal range di funzionamento MPP dell'inverter? è un problema grave lavorare a 180 V anzichè i 200 V di targa inverter?

                                  grazie
                                  io penso che la gamma di tensione MPP (Umpp min – Umpp max) 200 - 800 V riguardi la somma dei 2 mpp, e penso scrivano così sui manuali perchè ogni ingresso DC, e quindi ogni inseguitore MPP, riesce a fornire tutta la potenza nominale di uscita dell‘inverter, in pratica massima flessibilità su come vuoi suddividere le stringhe o meno. Poi la tensione di entrata max. (Udc max) é 1000 V, mentre Tensione di avvio alimentazione (Udc start) è 80 V (tra i più bassi mi sembra), quindi non penso avrai nessun problema nemmeno a dividere le stringhe.
                                  Il fronius ha il DYNAMIC PEAK MANAGER che dovrebbe fare una scansione a intervalli regolari per trovare sempre il massimo rendimento.
                                  Ha l'interfaccia wlan integrata, quindi dati di produzione su portale, pvoutput, app mobile tutto gia compreso e facile da configurare

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Spider, pensavo esattamente la stessa cosa, un ombra metà-tardo pomeriggio no dovrebbe penalizzare tantissimo la produttività.
                                    Comunque devo ancora capire se mi conviene fare 2 stringhe con tensione 180V oppure una sola con tensione 360V. Gli inverter generalmente sono un punto percentuale più efficienti a 360V piuttosto che a 180V.ù


                                    Questi i dati degli inverter che sto considerando:


                                    1. ABB UNO – 3.0TL-OUTD tensione attivazione 100V inizio MPPT 200V

                                    2. ABB PVI-3.0-TL-OUTD tensione attivazione 120V inizio MPPT 160V
                                    3. FRONIUS PRIMO 3.0-1 tensione attivazione 80V inizio MPPT 200V
                                    4. SMA SUNNY BOY 3000TL tensione attivazione 150V inizio MPPT 175V

                                    Tutti hanno due MPPT indipendenti tranne l’ABB UNO – 3.0TL-OUTD che ne ha uno solo.

                                    Nell’impianto esistente ho un inverter Aurora Power-One (ora ABB) 3600 con il quale mi sono trovato bene.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Quando fai l'impianto ,dividilo su due stringhe (ovvero porta all'inverter 2 coppie di cavi in DC)
                                      Poi fai la prova con due giornate meteorologicamente uguali:
                                      la prima colleghi 2 stringhe separate,la seconda invece fai la serie dei cavi e lo provi con una singola stringa

                                      Segnati i risultati di produzione e ne trai le conclusioni
                                      Impianto 2,66 kWp - Power One 3.0 - 8 moduli Sunpower E20 333W - Raspberry con 123Solar@Walter62
                                      https://www.dropbox.com/s/ag0k3azvne...rev04.pdf?dl=0 --> Guida Raspberry + Envir Cost con Measureit 118

                                      Commenta


                                      • #20
                                        In questo forum e' gia' stato scritto tutto (o quasi) https://www.energeticambiente.it/tec...l-dilemma.html ...
                                        attento pero che stai facendo casino tra Vstart e tensione di lavoro del MPPT (come ti ha scritto Lore), casomai e' meglio far lòavorare l'inverter il piu' possibile attorno alla nominale che e' il puntoi di massimo rendimento... io conosco bene il PVI perche' l'ho ed e' anche uno di quelli piu' usati dagli utenti del forum , e la Vstart https://www.energeticambiente.it/tec...-vstart-2.html non e' come la intendi te , nel PVI la puoi regolare da 120 in su' mi sembra , ma poi lavora tranquillamente a a 125V (verificato) se leggi le discussioni che ti ho postato e che avevo aperto io....
                                        AUTO BANNATO

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Interessante il link "stringa-lunga-o-stringa-corta-questo-e-il-dilemma-" parla proprio di quello che mi interessa.

                                          Effettivamente non mi è chiarissima la differenza tra Vattivazione e Vmpp.
                                          La Vattivazione indica solo la tensione minima necessaria per iniziare a produrre energia (esempio quando l'inverter si accende il primo mattino)
                                          Vmmp invece indica la tensione minima oltre la quale inizia a funzionare la funzione di tracking? funzione molto importante per "estrarre" la massima potenza dai pannelli.


                                          altra domanda...cosa cambia tra il modello ABB UNO – 3.0TL-OUTD e il ABB PVI-3.0-TL-OUTD? il primo é un modello più recente?

                                          Commenta


                                          • #22
                                            La Vattivazione o start e' la tensione a cui l'inverter si accende , poi deve esserci irraggiamento maggiore per poter iniziare anche a produrre corrente il pannello , fai presente che io con 13 pannelli in serie, ho messo 300V di avvio , tanto fino a poco piu' non produce niente.... se vuoi continuare a parlare di stringhe fallo li' , di vstart nella'altra ....
                                            l'uno dovrebbe essere il nuovo ma non capisco se hanno modificato qualcosa.... anzi ha un unico mppt e forse leggermente piu rendimento ?!
                                            AUTO BANNATO

                                            Commenta

                                            Attendi un attimo...
                                            X