annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Integrazione solare termico invernale

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Integrazione solare termico invernale

    Buongiorno a tutti,
    ho un solare termico a conduzione forzata a doppia serpentina. Il solare termico in questione viene usato per ACS senza alcun problema d'estate e ha sempre funzionato benissimo. Vivo in Sardegna e d'inverno, quando il solare termico non è sufficiente, mi affido a una caldaia a gas GPL della Vaillant che ha sempre funzionato benissimo. Ora però vorremo eliminare il GAS da casa in quanto ci costa tantissimo soltanto avere il bombolone interrato e l'allaccio, anche perchè il riscaldamento avviene tramite pompa di calore ( si tratta di riscaldamento a pavimento).
    Devo quindi trovare una soluzione per l'inverno in cui il solare termico non è più sufficiente.
    L'accumulo del solare termico permette di integrare con una resistenza. Ho deciso dunque di provare a spegnere la caldaia preventivamente e provare a integrare tramite resistenza da 1.2KW ma non sono soddisfatto in quanto l'acqua ci mette molto a scaldarsi tra una doccia e l'altra e inoltre basta a mala pena per una doccia di 8 minuti (poi diventa tiepida) soprattutto nei giorni in cui l'acqua di rete è molto fredda. l'acqua la sto portando a 52 gradi tramite resistenza che in teoria dovrebbe essere più che sufficiente, ma non basta come già detto.
    Inoltre le perdite termiche sono abbastanza elevate durante la notte dato che l'accumulo si trova all'esterno).
    Stavo pensando di mettere un boiler elettrico (che per capirci chiamerò scaldabagno) a parte per scaldare l'acqua nei mesi invernale ma ci sarebbero due problemi:
    1) Nelle giornate soleggiate non sfrutterei più il solare termico, a meno di fare un automazione che devia da scaldabagno a solare quando questo sta lavorando, ma sarebbe quasi controproducente
    2) Portando l'acqua del solare termico in mandata allo scaldabagno potrebbe esserci il problema che nelle calde giornate invernali (seppur rare) l'acqua in entrata possa essere troppo elevata, quindi chiedo a voi cosa potrebbe succedere

    Cosa ne pensate?

  • #2
    Metti un boiler a pompa di calore, scaldabagno elettrico nel 2020 non si può sentire....

    Lo metti a valle dell’accumulo solare e poi all’uscita del boiler a pdc sposti la miscelatrice prima dei rubinetti.

    Ogni volta che apri un rubinetto e c’è energia nel solare, sposti acqua calda da un accumulo all’altro, d’estate spegni il boiler a pdc e ti basta solo il solare.
    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
      Metti un boiler a pompa di calore, scaldabagno elettrico nel 2020 non si può sentire....

      Lo metti a valle dell’accumulo solare e poi all’uscita del boiler a pdc sposti la miscelatrice prima dei rubinetti.

      Ogni volta che apri un rubinetto e c’è energia nel solare, sposti acqua calda da un accumulo all’altro, d’estate spegni il boiler a pdc e ti basta solo il solare.
      Ciao, prima di tutto grazie della risposta. Non sono sicuro di aver capito bene. All'uscita dell'ACS dell'accumulo metto un boiler a pdc e poi mando l'acqua in casa all'uscita del boiler a pdc? A cosa serve il miscelatore e dove va messo?

      Commenta


      • #4
        Io sfrutterei quel che giá hai, se fattibile come collegamenti.
        Visto che scaldi con pompa di calore, metterei una deviatrice che va all'accumulo del solare per scaldare quello, e approfitterei per chiudere l'accumulo creando un locale tecnico coibentato con struttura in alluminio "ripieno" di polistirolo.

        Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
        Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

        Commenta


        • #5
          Ma no bravo, se ha l’accumulo esterno così scalda l’universo con la pdc.

          In effetti visto che la pdc l’hai già, basta mettere un normale accumulo acs, collegato a valle dell’accumulo solare e scaldato dalla pdc in alternativa con il riscaldamento.

          La miscelatrice dovresti averla già all’uscita del solare..... serve a far sì di non avere acqua caldissima e pericolosa ai rubinetti. Basta spostarla a valle dell’accumulo di casa.
          PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da bravo666 Visualizza il messaggio
            Io sfrutterei quel che giá hai, se fattibile come collegamenti.
            Visto che scaldi con pompa di calore, metterei una deviatrice che va all'accumulo del solare per scaldare quello, e approfitterei per chiudere l'accumulo creando un locale tecnico coibentato con struttura in alluminio "ripieno" di polistirolo.

            Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
            Il problema sta nel fatto che la pdc lavora per il riscaldamento a pavimento a non più di 38 gradi.

            Commenta


            • #7
              E quale sarebbe il problema, dovrebbe avere comunque la funzione per acs, anche come dice giustamente Sergio metti un accumulo dedicato unicamente ad acs con deviatrice dalla pdc, quando la sonda dell'accumulo acs chiama per essere scaldato la pdc non fa altro che aprire la deviatrice verso l'accumulo e aumentare la T di mandata per scaldarlo, arrivato alla T settata dalla sonda dell'accumulo la pdc dará impulso alla deviatrice di tornare a lavorare sul radiante a pavimento alla temperatura settata nei parametri.
              É più difficile a dirlo che non a farlo, ma io fossi in te sfrutterei quel che giá ho, anche perché un bollitore acs costa X, una pdc con accumulo dedicato per acs costa XYZ

              Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
              Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da bravo666 Visualizza il messaggio
                E quale sarebbe il problema, dovrebbe avere comunque la funzione per acs, anche come dice giustamente Sergio metti un accumulo dedicato unicamente ad acs con deviatrice dalla pdc, quando la sonda dell'accumulo acs chiama per essere scaldato la pdc non fa altro che aprire la deviatrice verso l'accumulo e aumentare la T di mandata per scaldarlo, arrivato alla T settata dalla sonda dell'accumulo la pdc dará impulso alla deviatrice di tornare a lavorare sul radiante a pavimento alla temperatura settata nei parametri.
                É più difficile a dirlo che non a farlo, ma io fossi in te sfrutterei quel che giá ho, anche perché un bollitore acs costa X, una pdc con accumulo dedicato per acs costa XYZ

                Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                Mmh non so se possa farlo la mia PDC (ancora mi deve arrivare): è una riello nexpolar. Ma nel caso facesse perchè non posso sfruttare come accumulo direttamente quello del solare tramite la seconda serpentina?

                Commenta


                • #9
                  Puoi, chi dice di no, ma devi coibentarlo e richiuderlo, hai detto che lo tieni fuori casa e non é il massimo scaldare quello in inverno...così vai a scaldare l'aria, non il puffer.
                  Quindi si, puoi usare anche quello, e siciramente la pdc che deve arrivarti fa anche acs,a devi giocoforza isolare quel puffer dall'aria esterna

                  Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                  Ultima modifica di bravo666; 22-11-2020, 18:23.
                  Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da bravo666 Visualizza il messaggio
                    Puoi, chi dice di no, ma devi coibentarlo e richiuderlo, hai detto che lo tieni fuori casa e non é il massimo scaldare quello in inverno...così vai a scaldare l'aria, non il puffer.
                    Quindi si, puoi usare anche quello, e siciramente la pdc che deve arrivarti fa anche acs,a devi giocoforza isolare quel puffer dall'aria esterna

                    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                    La coibentazione del locale è prevista proprio a ridosso dell'installazione della pdc . Propongo la cosa al mio idraulico. Grazie mille per i consigli preziosi, mi avete chiarito tantissimo le idee.
                    Vi aggiorno sulla fattibilità.

                    Commenta


                    • #11
                      Il solare, che ti funziona, tienilo come è..... aggiungi un accumulo in casa.... vedrai che continui ad usare il solare tutto l'anno.... sei in Sardegna: se scalderai l'accumulo con la pdc andrai a farlo lavorare inutilmente meno quando invece probabilmente ti basta solo lui per diversi giorni nella stagione del riscaldamento.
                      PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                        Il solare, che ti funziona, tienilo come è..... aggiungi un accumulo in casa.... vedrai che continui ad usare il solare tutto l'anno.... sei in Sardegna: se scalderai l'accumulo con la pdc andrai a farlo lavorare inutilmente meno quando invece probabilmente ti basta solo lui per diversi giorni nella stagione del riscaldamento.
                        Tieni presente che nel momento in cui il solare inizia a non bastare più è il momento in cui accendiamo la PDC per il riscaldamento (che come saprai non si spegne mai fino a che non torna la bella stagione) quindi la PDC non lavorerebbe mai solo per ACS. Nei pochi giorni intermedi (tra accensione riscaldamento e non sufficienza del solare termico) potrei far lavorare la resistenza.
                        Ora che ci penso assieme alla PDC devono montarmi un accumulo inerziale che mi è stato detto necessario per far lavorare la PDC sempre alla massima efficienza. Però non è adatto per ACS, eventualmente chiedo la differenza di prezzo per uno che lo sia..

                        Commenta


                        • #13
                          In Sardegna un inerziale..... ossignur.....

                          Comunque non potresti usarlo per l’acs, starebbe sul riscaldamento.

                          Figurati se temo che la pdc stia sempre a fare acs..... ti sto dicendo di non scaldare con la pdc l’accumulo solare: il solare lavora benissimo a basse temperature, ogni raggio di sole se lo porta a casa e ti preriscalda la fredda prima di entrare nell’accumulo acs, massima resa. E tu in Sardegna di raggi di sole ne hai tanti anche d’inverno.
                          PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                            In Sardegna un inerziale..... ossignur.....

                            Comunque non potresti usarlo per l’acs, starebbe sul riscaldamento.

                            Figurati se temo che la pdc stia sempre a fare acs..... ti sto dicendo di non scaldare con la pdc l’accumulo solare: il solare lavora benissimo a basse temperature, ogni raggio di sole se lo porta a casa e ti preriscalda la fredda prima di entrare nell’accumulo acs, massima resa. E tu in Sardegna di raggi di sole ne hai tanti anche d’inverno.
                            Perchè non è una buona scelta l’inerziale?
                            ho capito ora il discorso di non scaldare l’acqua sull’accumulo del solare, grazie per il chiarimento

                            Commenta


                            • #15
                              Perché serve per avere riserva di energia in caso di sbrinamento..... la tua pdc ha mai sbrinato nella sua vita?
                              PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                                Perché serve per avere riserva di energia in caso di sbrinamento..... la tua pdc ha mai sbrinato nella sua vita?
                                Mi è stato detto (questo riferisco) che l'accumulo inerziale è stato scelto per un eventuale aggiunta di ACS e quindi per permettere al riscaldamento di continuare a lavorare, per il fatto che ogni stanza ha un termostato che apre e chiude delle valvole di mandata ad ogni stanza (e quindi la PDC lavorara sull'accumulo anche se un 50% delle valvole sono chiuse aumentendo l'efficienza e evitando continui accensioni e spegnimenti)

                                Commenta


                                • #17
                                  Ma tu sei bravo e non le fai chiudere a casaccio le termostatiche vero? Con una pdc si imposta il minimo indispensabile per tenere calde le stanze di casa, le termostatiche al limite servono per parzializzare in qualche stanza che si vuol tenere più fresca, non per chiudere pezzi di impianto a caz.... casaccio scusa.....
                                  PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                                    Ma tu sei bravo e non le fai chiudere a casaccio le termostatiche vero? Con una pdc si imposta il minimo indispensabile per tenere calde le stanze di casa, le termostatiche al limite servono per parzializzare in qualche stanza che si vuol tenere più fresca, non per chiudere pezzi di impianto a caz.... casaccio scusa.....
                                    No chiaro. Ma invece potrebbe essere utile l'accumulo inerziale per sfruttare il fotovoltaico? Nel senso di far in modo che la pdc lavori maggiormente il giorno e meno la sera.
                                    Altrimenti chiedo di non mettere l'accumulo inerziale a favore di un accumulo per ACS

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Cosa intendi con "accumulo inerziale per sfruttare il fotovoltaico"...non capisco l'attinenza dell'uno sull'altro...

                                      Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
                                      Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da AleMa Visualizza il messaggio
                                        ...
                                        2) Portando l'acqua del solare termico in mandata allo scaldabagno potrebbe esserci il problema che nelle calde giornate invernali (seppur rare) l'acqua in entrata possa essere troppo elevata, quindi chiedo a voi cosa potrebbe succedere
                                        ?? non esistono scalabagni che si offendono se l'acqua gli arriva già a 90 gradi....
                                        Vai tranquillo che è questa la soluzione giusta; se riesci a mettere una scaldabagno in pompa di calore meglio.

                                        F.
                                        Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                                        Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da AleMa Visualizza il messaggio
                                          No chiaro. Ma invece potrebbe essere utile l'accumulo inerziale per sfruttare il fotovoltaico? Nel senso di far in modo che la pdc lavori maggiormente il giorno e meno la sera.
                                          Se intendi che l’accumulo inerziale potrebbe “accumulare” energia termica di giorno da usare poi la sera ..... no .....

                                          A regime un accumulo inerziale si mette alla T del ritorno, quindi non può accumulare energia in più rispetto a quella che si manda. L’energia si accumula in casa semmai..... che è un accumulo molto più grosso di qualunque inerziale tu possa immaginare....
                                          PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                                            Se intendi che l’accumulo inerziale potrebbe “accumulare” energia termica di giorno da usare poi la sera ..... no .....

                                            A regime un accumulo inerziale si mette alla T del ritorno, quindi non può accumulare energia in più rispetto a quella che si manda. L’energia si accumula in casa semmai..... che è un accumulo molto più grosso di qualunque inerziale tu possa immaginare....
                                            Tutto chiaro.. allora direi di optare per l'accumulo per ACS e lasciar perdere l'accumulo inerziale. Quanti litri consigli per l'accumulo contando che verrà alimentato dall'acqua del solare e siamo in 3 in famiglia?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Non ricordo se l’hai già scritto: di quanto è l’accumulo solare attuale?
                                              PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                                              Commenta

                                              Attendi un attimo...
                                              X
                                              TOP100-SOLAR