adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Consumi caldaie PDC vs metano per il riscaldamento invernale.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    uno split parete come riscaldamento primario non è il massimo del confort.
    unico vantaggio velocità di messa a regime .

    Commenta


    • #32
      Scusa Jekterm vorrei chiederti una valutazione sull'impianto che mi ha proposto il TT:

      -dispersione abitazione 4900Kw/anno temperatura di progetto -5°C( 165 mq netti di abitazione in legno)
      -riscaldamento e raffrescamento a pavimento con mandata a 40°C e passo da 15cm.
      -potenza PDC aria/acqua da 12Kw, due serbatoi di accumolo(500 litri acs, 300 litri per il pavimento)

      Secondo te la T di mandata e la potenza della PDC sono giustificate?
      Il secondo serbatoio da 300 litri è indispensabile?

      Commenta


      • #33
        Originariamente inviato da cdevico Visualizza il messaggio
        Frosinone
        Nella tua situazione valuterei una PDC aria/acqua sui termosifoni originali.

        Ciao
        Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

        Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
        http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

        Commenta


        • #34
          Originariamente inviato da Ruben12 Visualizza il messaggio
          PDC aria/acqua da 12Kw
          La mia abitazione ha una dispersione di circa 13000 kWh, ho installato un generatore da 8 kW, 12 kW mi sembrano eccessivi.
          Puoi risparmiare l' accumulo da 300 lt per l' impianto a pavimento, anche se io lo userei per preriscaldare l' ACS con il ritorno dell' impianto di disribuzione. Ho l' impressione però che il TT stia pensando a PDC a punto fisso e valvola miscelatrice con regolazione climatica, se la mia previsione è azzeccata, cambia termotecnico...
          Passo 15... vuoi risparmiare energia elettrica?
          Fai installare un passo 50, ne deriva una temperatura di mandata il più bassa possibile, il mio impianto lavora al massimo a 35°C a -7° esterni e d' estate, per la climatizzazione, lavora a 18°.
          Ciao
          Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

          Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
          http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

          Commenta


          • #35
            costi pdc sul secondo contatore BTA

            Buongiorno, ho già postato questa discussione ma non so se nel posto giusto...ma parlando di consumi...
            Vi chiedo quindi un consiglioggi mi ha chiamato eni proponendomi la sua fornitura per il secondo contatore ad oggi in bta3, in quanto sul primo ho già un fotovoltaico. La proposta è interesante, 0,095 €/kWh senza fasce orarie senza fasce di consumo. A questa cifra vanno aggiunti i famosi servizi di rete che saranno il 43% circa del corrispettivo luce (servizi di vendita). Pagando quindi i costi fissi (servizi di rete) in base ai consumi, e non come in bta3 dove sono quasi indipendenti dai consumi (e pure molto alti), sopratutto nei mesi estivi dove il corrispettivo luce è quasi 0 ci sarebbe un grandissimo risparmio.

            Dov' è la fregatura...se c'é?

            Grazie.
            Ultima modifica di blasco73; 20-10-2012, 22:09.
            San Quirino (PN) - Zona Climatica E - Gradi giorno 2.437 - 120 m2
            FV 4.5KW Siliken - Inverter Power One
            PDC Clima Top Ground 8KW riscaldamento/raffrescamento/ACS
            Doppio contatore BTA3 + D2

            Commenta


            • #36
              Originariamente inviato da Jekterm Visualizza il messaggio
              ...
              Passo 15... vuoi risparmiare energia elettrica?
              Fai installare un passo 50, ne deriva una temperatura di mandata il più bassa possibile, il mio impianto lavora al massimo a 35°C a -7° esterni e d' estate, per la climatizzazione, lavora a 18°.
              Ciao
              Ma intendevi passo 5 cm ? E' il minimo che si puo' raggiungere in un impianto radiante a pavimento ?

              Quanto non riesco a valutare e' il costo incrementale per ridurre il passo cosi' rispetto al beneficio nella riduzione della temperatura di mandata riscaldamento/aumento temperatura mandata in raffrescamento.

              Grazie,
              Emiliano.

              Commenta


              • #37
                Originariamente inviato da EmilianoM Visualizza il messaggio
                E' il minimo che si puo' raggiungere
                Si 5 cm, il passo di posa andrebbe dimensionato per soddisfare l' esigenza a temperatura di progetto con mandata di circa 35°C.
                Stringere ulteriormente il passo di posa penso che non sia vantaggioso per maggiori costi di installazione.
                La maggior parte dei pannelli bugnati sono costruiti proprio per il passo 5 e multipli.

                Passare da temperature di mandata di circa 45° a 35°C porta ad un aumento di prestazione in riscaldamento di oltre 1 punto.
                Ho rilevato inoltre che adottare una temperatura di mandata sotto i 28°C porta ad avere un' esiguo aumento dei COP per i più frequenti cicli di sbrinamento.
                Ciao
                Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                Commenta


                • #38
                  Originariamente inviato da Jekterm Visualizza il messaggio
                  ...
                  Passare da temperature di mandata di circa 45° a 35°C porta ad un aumento di prestazione in riscaldamento di oltre 1 punto.
                  Ho rilevato inoltre che adottare una temperatura di mandata sotto i 28°C porta ad avere un' esiguo aumento dei COP per i più frequenti cicli di sbrinamento.
                  Ciao
                  Tu che dati di progetto hai (dispersione, temperatura esterna, potenza, temperatura mandata) ?

                  Commenta


                  • #39
                    Progetto anno 2003:
                    Circa 6 kW a -5° esterni, 160 mq, circa 65 kWh/mq

                    Con temperatura di mandata di 29° a 6°esterni, 35°C a -5°C temperatura interna a circa 21°C, consumi annui sui report che si trovano in firma.
                    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                    Commenta


                    • #40
                      Originariamente inviato da Jekterm Visualizza il messaggio
                      Progetto anno 2003:
                      Circa 6 kW a -5° esterni, 160 mq, circa 65 kWh/mq
                      Approfitto della tua disponibilità: ma con dispersione (65 kWh/m2), superficie (160 m2) e temperatura di progetto (-5 gradi) come si determina la potenza di picco ?

                      Grazie ancora,
                      Emiliano.

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da EmilianoM Visualizza il messaggio
                        come si determina la potenza di picco
                        Io ricavo il dato dalla relazione termotecnica, per il calcolo dovresti trovare qui informazioni utili:
                        Grado giorno - Wikipedia

                        Ciao
                        Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                        Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                        http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                        Commenta


                        • #42
                          ma qualcuno di voi è contento, conti alla mano intendo, della scelta fatta sulla PDC? oggi parlavo con un amico che abita in un nuovo condominio in classe A con PDC Mitsubishi, non mi ha voluto dare delle cifre ma qualche giorno fa hanno avuto una riunione di condominio per lamentarsi degli enormi costi di riscaldamento avuti. Anche io dovrei (uso il condizionale) passare dal gas alla PDC e cercavo esperienze dirette. Un altro amico si è appena trasferito in un abitazione ristrutturata con PDC Rotex, lo terrò d'occhio....
                          1° impianto FV 5.94kWp, 2° impianto FV 19,74kWp
                          PDC Rotex HT 11kW + Hybridcube 500l + termostufa a pellet Edilkamin Kira H22

                          Commenta


                          • #43
                            Originariamente inviato da Lupin4 Visualizza il messaggio
                            per lamentarsi degli enormi costi di riscaldamento avuti
                            Dipende da come è stato progettato l' impianto di distribuzione, se indaghi vedrai che da qualche parte c' è un errore.
                            Esperienze positive con PDC?
                            Leggi la discussione in firma.
                            Ciao
                            Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                            Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                            http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                            Commenta

                            Attendi un attimo...
                            X
                            TOP100-SOLAR