Filtro anticalcare ai polifosfati: come'è? è inquinante? funziona? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filtro anticalcare ai polifosfati: come'è? è inquinante? funziona?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Filtro anticalcare ai polifosfati: come'è? è inquinante? funziona?

    Ciao a tutti, oggi giravo in rete, e in un sito che vende materiale idraulico, ho trovato dei filtri ai polifosfati anticalcare.
    Volevo sapere, se qualcuno li aveva già provati se poteva darmi una sua opinione sul reale funzionamento.
    Il prezzo, mi sembra molto conveniente: 50€ con cartuccia.
    Pensavo di metterlo sul tubo che va verso lavatrice e scaldabagno (meglio non parlare della condizione della resistenza dell'ultimo scaldabagno).
    La marca è G.F. Water Filtration e il modello è 310D Professional + Cartuccia CSP H9¾ ai polifosfati di sodio.
    Poi, volevo capire: è inquinante per l'ambiente ? La cartuccia va cambiata ogni 6 mesi obbligatoriamente, o con un utilizzo minore potrebbe durare anche un anno ? Su ebay ho visto che vendono il sale polifosfato in cristalli per anticalcare, quello potrebbe essere usato per riempire la cartuccia al suo esaurimento? O la cartuccia è sigillata o altro?
    I polifosfati, che fanno nell'acqua? Si sciolgono, fanno da filtro o cos'altro?
    E infine, quando esauriscono la loro utilità, si buttano nella spazzatura o devono essere portati ad esempio in qualche centro di raccolta/isola ecologica o altro?

    Ringrazio chiunque risponderà.........

  • #2
    Ciao emanu non riesco a rispondere a tutte le tue domande , ma a qualcuna si .

    I polifosfati, che fanno nell'acqua? Si sciolgono, fanno da filtro o cos'altro?
    risposta terra terra.

    no , non fanno da filtro , ma si dissolvono in acqua .

    i polifosfati vengono dosati nell'acqua in diversi modi. polveri , soluzioni , o filtro a cristalli.

    Nel filtro a cristalli o sferette si ha un dosaggio dato dalla bassa solubilità del polifosfato , negli altri sistemi il dosaggio viene eseguito con dosatrici automatiche e polifosfati maggiormente solubili .

    Comunque tutti i sistemi sfruttano l'azione "complessante" (chelante) che hanno i polifosfati sugli elementi alcalino terrosi (esempio .. calcio e magnesio ). Chelante significa che le molecole del polifosfato sequestrano i cationi calcio e magnesio mantenendoli in soluzione ,senza farli precipitare come solido calcareo.

    Il limite di questa tecnica di trattamento anticalcare è che non togli gli ioni che determinano la durezza , ma solamente li maschera o li nasconde "complessandoli",
    altro limite è la bassa stabilità in acqua dei polifosfati a temperature superiori ai 65-70°C, infatti i polifosfati inorganici in ambiente acquoso tendono ad idrolizzarsi a ortofosfato,(la cinetica di questa reazione di idrolisi aumenta all'aumentare della temperatura ). determinando ulteriori precipitazioni di ortofosfato di calcio .

    a temperature + basse l'idrolisi parziale dei polifosfati invece determina una passivazione degli elementi in ferro, e quindi protegge dalle ossidazioni le superfici.

    Quindi si può dire che il sistema funziona avendo doppia funzione( anticorrosiva e sequestrante ) ,ma si devono rispettare i limiti di utilizzo imposti .

    Da queste osservazioni si può capire che l'utilizzo di questa tecnica di trattamento anticalcareo è idonea solo per sistemi aperti (ACS o lavatrice, lavastoviglie )

    Poi, volevo capire: è inquinante per l'ambiente ?
    I polifosfati sono al centro di una forte polemica in quanto più volte imputati di disastri ecologici (eutrofizzazione ambienti acquatici ) , la maggior parte dei polifosfati viene introdotta negli ambienti acquatici via detersivi (difatti gli agenti chelanti(polifosfati, acido citrico, sale bisodico dell' acido etilendiamminotetracetico).. sono già nella composizione dei detersivi , e servono appunto per evitare la reazione chimica tra tensioattivo e ioni calcio e magnesio presenti in acqua ,che determinano un aumento del quantitativo effettivo di detersivo per avere lo stesso potere pulente .

    Altre polemiche insorgono null'uso alimentare dei polifosfati vista la loro presunta interferenza nella reazione biochimica di fissazione del calcio nelle ossa in caso di assunzione elevata

    cordialmente

    Francy
    Ultima modifica di Ospite; 20-10-2015, 18:21.

    Commenta


    • #3
      Penso che allora lascio stare i polifosfati. Ci sarebbe qualche modo per eliminare il calcare nell'acqua senza ricorrere a questi e che non costi tanto?
      Ho visto che ci sono gli addolcitori, ma costano 600€ e non posso permettermeli.
      Mentre gli anticalcare magnetici, trasformano solo per poche ore il calcare in argonite, quindi potrebbe forse andare bene nella lavatrice ma non nello scaldabagno dove l'acqua rimane per molte ore "ferma"


      Update: ho controllato i filtri "semplici" che avevano su ebay. Volevo capire, quale sarebbe meglio prendere: da quello che ho capito, serve per primo un filtro a rete per togliere la parte "grossa" e dopo un filtro con filtrazione migliore per pulire quasi completamente l'acqua dai residui.
      Principalmente, ho visto tre tipi di filtro tra i più acquistati: gli economici a polipropilene filato (disponibili con filtrazione a 1-5-10-20-30-50-100 micron), i poco più costosi a polipropilene integrale (filtrazione a 1-5-10-25 micron) e più o meno sullo stesso prezzo quelli a rete con e senza (20-30-60-120 micron). Quali dei due è meglio abbinare secondo te?
      Poi, un filtro con filtrazione più sottile, fa passare meno acqua o è lo stesso? Pensavo di metterlo all'entrata dell'acqua in casa. Può andar bene?
      Ultima modifica di emanu37429; 20-10-2015, 19:45.

      Commenta


      • #4
        ciao ema

        una domanda ...ma hai problemi con l'acqua che arriva in casa? conosci i valori di durezza totale dell' acqua in ingresso? i filtri che mi stai elencando(nell'ultimo mex), sono filtri per bloccare particelle solide in sospensione quindi non hanno nulla a che vedere con il discorso "deposito calcareo"

        cordialmente

        Francy

        Commenta


        • #5
          solitamente, grazie all'acqua che mi arriva a casa con un "bel" contenuto di calcare si finisce col buttare un ferro da stiro ogni 6 mesi/ 1 anno al massimo (dove ha i buchi per far uscire il vapore si tappano con una sostanza bianca e non se ne va più) e se vedi certe resistenze verrebbe da mettersi le mani ai capelli: ricoperte di calcare come una torta ricoperta di panna. Solitamente, lo scaldabagno dura 3-4 anni, poi, velocemente cominciano a comparirgli buchi da tutti i lati e si può buttare. L'acqua che gocciola e cade, lascia delle belle macchie sul colore bianco. I valori di durezza non li so, ma in questi giorni, se mi capita di passare in qualche posto che vende i bastoncini per misurare la durezza dell'acqua, ne prendo un pò.

          I filtri che ho indicato lo so che sono per bloccare particelle solide. Pensavo di mettere due di quelli, così anche se non elimino il calcare almeno elimino lo sporco che c'è nell'acqua. Quindi, per la domanda di prima, secondo te quale è meglio?

          Per i filtri a polifosfati, penso che però, quando darò una sistemata all'impianto, anche se inquinano, dovrò quasi obbligatoriamente metterli, siccome metterò uno scaldabagno a PDC e quindi costo compreso tra 750 e 1500€ e se si rovinasse per via del calcare sarebbe un disastro.
          Proviamo a metterla così: l'inquinamento provocato dal filtro sarà compensato dalla maggiore durata dello scaldabagno e dal minore uso di detersivo visto che l'acqua dovrebbe essere più dolce.

          Comunque, ho un dubbio: qualcuno diceva che i filtri a polifosfati portavano l'acqua a valori di 0 gradi francesi (mi sembra molto strano che la portano a valori così bassi) e la rendevano leggermente acida. É vero?
          I tubi che passano per la casa sono tubi in rame. Ci possono essere problemi con calcare o acqua leggermente acida?

          Commenta


          • #6
            up..........

            Commenta


            • #7
              up..........
              up?????? weee ... , quando ho tempo uppo!!

              -discorso filtri meccanici
              normalmente per acque potabili provenienti da acquedotto comunale(quindi già trattate e potabili) si usano filtri meccanici da 50 micron , ma non sapendo il tipo di sedimenti e l'analisi dei solidi totali sospesi è difficile stabilirlo.

              -discorso filtro meccanico filato o a rete
              filtro a filato intrecciato lo butti quando è sporco , il filtro a rete lo puoi lavare

              -discorso perdite di carico
              ovviamente filtri + fitti fanno passare meno acqua (perdita di carico elevata)

              ovviamente questi filtri devono prevedere un sistema di sterilizzazione periodica , ed il montaggio di un by-pass con relative valvole di intercetto a monte ed a valle del filtro stesso( in modo da avere acqua anche in caso di rottura e/o manutenzione filtro).

              -discorso polifosf.
              non è vero che la durezza si azzera , come già menzionato i cationi responsabili della durezza vengono solo complessati, il sistema va bene per impianti aperti , temperature sopra i 60 °C producono come risultato una ulteriore precipitazione di ortofosfato di calcio per idrolisi rapida dei polifosfati.(per intenderci , nel ferro da stiro è meglio non usarlo )

              -discorso tubazioni in rame per acque potabili
              discorso ostico
              tutto dipende da come è stato collaudato e trattato l'impianto, ma soprattutto da come è stato STABILIZZATO LO STRATO PROTETTIVO DI OSSIDO RAMEICO , dipende anche dall'acidità , dal contenuto di solfati e nitrati ,dal contenuto di bicarbonati , cloruri ,di ossigeno di CO2 (etc)...dell' acqua circolante

              cordialmente

              Francy
              Ultima modifica di Ospite; 22-10-2015, 23:31.

              Commenta


              • #8
                Non saprei dirti i solidi totali sospesi, ti posso solo dire che ogni tanto esce della ruggine o un po di sabbiolina. Per le perdite di carico, se mi dici filtro + fitto = meno portata, metto quello che hai detto tu da 50micron.Per il ferro da stiro lascio perdere.L'impianto non ho idea di com'è fatto, siccome c'era già da prima che arrivavo.Scusa per il disturbo. Ciao

                Commenta


                • #9
                  ciao caro ema , scusami tu ,non disturbi nel modo + assoluto , l'unica cosa che mi disturba è quando si danno dei tempi per rispondere alle domande su un forum ( alle volte non mi connetto per giorni dipende dagli impegni in real) .

                  ok ,chiarito questo vedo che mi scrivi

                  Non saprei dirti i solidi totali sospesi, ti posso solo dire che ogni tanto esce della ruggine o un po di sabbiolina
                  se l'acqua non presenta opalescenza , ed ogni tanto vedi sabbiolina, va benissimo un filtro dai 100 ai 50 micron .

                  Per le perdite di carico, se mi dici filtro + fitto = meno portata, metto quello che hai detto tu da 50micron
                  chiarimento : per ovviare a questo problema , bisogna aumetare la dimensione del filtro , ma non è detto che il filtro da 10 micron ad esempio rispetti le specfiche date dal costruttore(fatte con filtri puliti ) , è verosimile che se l'acqua contiene un elevato quantitativo di solidi sospesi >10micron , nel giro di poche ore dalla messa in servizio si potrebbe verificare un'intasamento di buona parte dei pori ,che determinerebbe un aumento deltaP tra entrata e uscita con conseguente brusco calo di portata .
                  ,
                  il costruttore fornisce le specifiche tecniche di ogni filtro , perdita di carico , litri/ ora max , dimensoni etc..

                  per calcolare a spanne la portata ,servirebbe sapere la pressione di rete che hai , e la dimensione del tubo in uscita dal tuo contalitri.

                  cordialmente

                  Francy

                  Commenta


                  • #10
                    L'acqua, non presenta opalescenza. Solo ruggine e sabbiolina. Parte di queste cose rimangono nei rompigetto e nei rubinetti sotto i lavandini, fino a quando si tappano e allora devo aprirli e pulirli. Come pressione sto tra i 2 bar e i 4,5. Il tubo a cui verrà collegato dovrebbe essere un 16mm a quanto ricordo.Sul sito del produttore del contenitore e del filtro però dice solo la portata a vuoto, cioè 100l/min a 3bar, mentre né sulla pagina dei filtri né su quella dei contenitori dice niente sulla portata con cartuccia filtrante inserita.

                    Commenta


                    • #11
                      ciao ema prova a guardare ad esempio questi tipi di filtri (si denominano filtri autopulenti manuali , ci sono anche autopulenti automatici a deltaP ,nella azienda chimica per cui lavoro ce ne sono molti anche se + grossi e sono veramente efficienti ,in 15-30 secondi controlava i filtri interni ,senza interrompere il flusso in rete ) .Evitano lo smontaggio del filtro quando è sporco.( comunque dopo una 20ina di pulizie , ti consiglio di smontarlo e dargli una soffiata )

                      se rientra nel tuo budget ( ci sono marche + costose e meno costose ), secondo me per il prodotto in oggetto è un buon prezzo

                      Filtro autopulente HYDRA M da 1"

                      .. le caratteristiche tecniche le trovi qui



                      ..

                      quello in vendita è da 1 pollice ( 1 inch ) , quindi o applichi delle riduzioni di inch ,oppure chiedi a loro il modello da 1/2 inch ( anche se dovresti confermarmi il diametro del tubo in uscita dal contalitri, o meglio la misura in pollici dell' uscita del contalitri ... e la tua risposta sicuramente non aiuta haha


                      scritto da ema
                      Il tubo a cui verrà collegato dovrebbe essere un 16mm a quanto ricordo
                      )

                      ema assicurati che sia 16 mm , in idraulica ...."dovrebbe essere" e "a quanto ricordo" non vanno bene come risposta

                      cordialmente

                      Francy

                      p.s. però stavo pensando che rispetto al titolo del 3D , siamo andati OT
                      Ultima modifica di Ospite; 25-10-2015, 07:07.

                      Commenta


                      • #12
                        Pensavo di spendere massimo 25€ per il filtro semplice. 70€ mi sembra eccessivo. Poi, andare ogni 6 mesi a dargli una lavata o sostituire la cartuccia non mi sembra chissà che. Il tubo è da 18mm con montato un raccordo da 1". Poi dopo il raccordo c'è il rubinetto anch'esso un pollice.Il filtro lo vorrei mettere dopo il rubinetto.Di filtri autopulenti a max. 25€ non ce ne sono, quindi rimango su quelli a cartuccia. La marca GF. Water Filtration è buona o è meglio se ne prendo uno sempre a cartuccia della Atlas Filtri?
                        Su eBay il rapporto tra GF venduti e Atlas Filtri venduti è di 5 a 1 per GF.Vuol dire che i GF sono meglio ? O sono meglio gli Atlas?Poi, sul catalogo Atlas dice che il loro filtro a polifosfati tiene fino a 75° . È vero o è solo marketing e poi funziona solo fino a 60° ?

                        P.S. gli Atlas, sia filtri che ricambi sono poco più costosi della GF.
                        P.P.S. Come si capisce quando il filtro ha esaurito la sua utilità ? I polifosfati, visto che si sciolgono, uno vede che il filtro è vuoto? O no ? E la cartuccia, può essere ricaricata con le boccette di sali da 1,5kg che vendono a 18€ (5 ricariche)?. Credo che sopra sia aperta. E poi se si ricarica uno deve spingerci i sali con forza o soli riempirla senza pressare.
                        Ultima modifica di emanu37429; 25-10-2015, 09:46.

                        Commenta


                        • #13
                          ciao ema , come già ti dissi al 1° messaggio non riesco a soddisfare tutte le tue domande , non sono un venditore, ma un semplice appassionato di chimica e discipline scientifiche ,quindi non saprei dirti se sono meglio i filtri ATLAS rispetto ai filtri GF ,l'importante è che i filtri assolvano alle funzioni per cui sono stati costruiti

                          per i 75°C dei polifosfati... ,non è che la reazione avviene tutta di colpo a 75 °C ,la cinetica della decomposizione ad ortofosfati aumenta con l'aumentare della temperatura.
                          a 65°C la cinetica è già molto avanzata ,

                          le ricariche penso che possa farla con carica dall'alto , ma non ne sono sicuro .(dipende se sono filtri a cartuccia oppure sfuso ), non penso tu possa pressarli , in quanto cristalli

                          cordialmente

                          Francy

                          Commenta


                          • #14
                            http://i.ebayimg.com/00/s/MTYwMFg0NTg=/z/YqEAAOxyhlJRcCGA/$T2eC16N,!)kE9s4Z-vOHBRcCG!bEF!~~60_35.JPG
                            Quella è l'immagine della cartuccia anticalcare.Per i filtri, i GF mi ispirano più fiducia. Sembrano più solidi degli Atlas e si risparmia sui ricambi.Girando sul web, ho trovato uno che ce li ha e consiglia di mettere i filtri "a scala". Si mette prima di tutto un filtro a rete lavabile per togliere il grosso (tra 50 e 25 micron) poi uno in polipropilene " usa e getta" (tra 25 e 10 micron) che da quanto ho capito filtra meglio di quello a rete anche se con portata un pò piu bassa e infine l'anticalcare prima del boiler.
                            Quindi, penso che faccio così:
                            1) Filtro a rete lavabile 50 micron
                            2) Filtro polipropilene avvolto 20 micron
                            3) Cartuccia anticalcare prima di lavatrice e scaldabagno.
                            Per la domanda di prima, mi avevi detto che i sali polifosfati si sciolgono al passaggio dell'acqua. Quindi la cartuccia dopo 6 mesi circa sarà vuota ?
                            E infine la differenza tra dosatore e filtro è tanta?
                            Il dosatore(http://i.ebayimg.com/00/s/NTM1WDQzOQ==/z/OKEAAOSw2XFUabmy/$_35.JPG)costa sulle 40€ e si ricarica con sali polifosfati in polvere venduti in boccette da 1kg, mentre il filtro (http://i.ebayimg.com/00/s/NTAwWDUwMA==/z/GxEAAOxyeR9THyWO/$_35.JPG)costa sempre 40€ e si ricarica con sali polifosfati in cristalli venduti in boccette da 1,5kg.Grazie mille per la pazienza.

                            Commenta


                            • #15
                              Ciao Ema

                              Girando sul web, ho trovato uno che ce li ha e consiglia di mettere i filtri "a scala"
                              va benissimo mettere i filtri a scala in modo che il filtro + fine abbia meno sovraccarico , però questo vuole anche significare ,avere una doppia perdita di carico sulla linea , e siccome tu stesso mi hai detto che hai una pressione variabile tra i 2 ed i 4 bar , spero che quando si presenterà la situazione dei 2 bar la perdita di carico non sia troppo elevata visto che ogni filtro può toglierti dai 0,4 ai 0,5 bar (da puliti).

                              Quindi la cartuccia dopo 6 mesi circa sarà vuota ?
                              il limite di stoccaggio del prodotto è 12 mesi , penso che il limite di 6 mesi sia dato dalla maggior degradazione del prodotto quando è in ambiente acquoso , in quanto altrimenti dovrebbe esaurirsi in base al volume trattato (dosaggio max 5 mg/l di P2O5).

                              E infine la differenza tra dosatore e filtro è tanta?
                              secondo me sono efficaci entrambi

                              PS comunque personalmente piuttosto di un trattamento ai polifosfati , io opterei per un trattamento con resina cationica a scambio ionico (addolcitore)

                              cordialmente

                              Francy
                              Ultima modifica di Ospite; 28-10-2015, 23:38.

                              Commenta


                              • #16
                                Quando metterò i filtri, metterò un rubinetto per bypassarli e far passare l'acqua direttamente in caso il filtro si tappa o lo devo sostituire. Quindi, in caso quando sarà montato l'acqua sarà insufficiente quando la sera la pressione è bassa, potrei escludere un filtro o anche tutti e due. Ma credo che sia difficile che si presenti questo problema.Per l'addolcitore avevo guardato anch'io, ma non ci arrivo coi soldi. Quello con lavaggio automatico e tutto il resto costa più di 1000€. Per essere qualcosa che posso permettermi deve essere max. 100€
                                Ciao.

                                Commenta


                                • #17
                                  Ciao Innominato,

                                  visto che ci siamo approfitto anche io delle tue immense conoscenze! (leccatina... ).
                                  Io ho un pannello solare termico e all'acqua in ingresso ho messo il solito filtro a polifosfati e pensavo di essere a posto. Però leggendo questa discussione mi hai fatto venire un grossissim,o dubbio sulla sua utilità visto che l'acqua nel boiler supera e rimane a temperature sopra i 60 gradi praticamente sempre d'estate e spesso anche in inverno.
                                  In queste condizioni il filtro risulta inutile???
                                  Devo per forza mettere uno scambio ionico???
                                  Aiuto....
                                  Grazie!!
                                  Roy
                                  Essere realisti e fare l'impossibile

                                  Commenta


                                  • #18
                                    buona sera

                                    ciao Ema , ok ,tienimi aggiornato sulle evoluzioni impianto filtrante.

                                    ciao Roy , a che temperatura di picco ti arriva il boiler? e che durezza hai dell'acqua in ingresso ACS ? (per la durezza approssimativa della vostra zona potete richiedere al vostro comune o all'asl di competenza
                                    ) oopure provate a cercare analisi acqua potabile del vostro comune su google

                                    cordialmente

                                    Francy
                                    Ultima modifica di Ospite; 30-10-2015, 21:33.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ciao caro,

                                      guarda, d'estate arriva anche ad ebollizione anche se per brevi periodi. Comunque di norma intorno agli 80 gradi. In inverno non supera mai i 75 ma ai 60-65 ci arriva spesso.

                                      La durezza da me è abbastanza alta mi sembra intorno ai 30-35 gradi (se non qualcosa in più!).
                                      Se ti servono altre info son qui.
                                      Grazie!

                                      Roy
                                      Essere realisti e fare l'impossibile

                                      Commenta


                                      • #20
                                        ciao caro


                                        d'estate arriva anche ad ebollizione anche se per brevi periodi.Comunque di norma intorno agli 80 gradi. In inverno non supera mai i 75 ma ai 60-65 ci arriva spesso.
                                        bè direi che a quelle temperature è improponibile un sistema a polifosfati per i motivi sopracitati (idrolisi dei polifosfati ad ortofosfati).


                                        sicuramente si potrebbe pensare di sostituire tale sistema con un'addolcitore " resine a scambio cationico ".


                                        per il dimensionamento del dolce , serve sapere anche quanta acqua viene consumata mediamente in 1 giorno (somma dei consumi di tutti i membri della famiglia).

                                        La durezza da me è abbastanza alta mi sembra intorno ai 30-35 gradi (se non qualcosa in più!).
                                        Se i valori di durezza sono quelli ,l'acqua è definita DURA , al limite con MOLTO DURA.


                                        Per ovvie ragioni [(fragilità caustica, data sopra agli 85-90 °C, dalla trasformazione del bicarbonato di sodio(NaHCO3) in carbonato di sodio(Na2CO3) ,con conseguente aumento di pH ]

                                        2NaHCO3 ------> Na2CO3 + CO2 + H2O


                                        dovrai regolare l'addolcitore in modo che eroghi acqua ne troppo dolce ne troppo dura,.. direi sui 10°francesi (limite massimo 14), miscelando con opportuno by-pass
                                        l'acqua dura e lacqua dolce in uscita dall'addolcitore .


                                        cordialmente


                                        Francy

                                        P.S. ti consiglio di acquistare anche un kit per la determinazione della durezza totale .
                                        Ultima modifica di Ospite; 01-11-2015, 11:44.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Ciao. Sono di nuovo qui, perché continuando a leggere in giro, ho visto che alcuni sconsigliavano i dosatori non proporzionali (filtri) dicendo che quelli proporzionali erano meglio, ma non spiegavano le motivazioni?
                                          Poi, secondo te, per la lavatrice, potrebbe andare bene il filtro GF Lavatrix che vendono a 6€ ?
                                          Mettendo il filtro direttamente alla lavatrice, spendo un po di più, ma non devo passare del tubo in più per usare lo stesso dello scaldabagno.
                                          Secondo te è una buona soluzione?
                                          E il Lavatrix si ricarica aprendolo da sopra o altro?
                                          Ultima modifica di emanu37429; 01-11-2015, 17:46.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ciao a tutti, da mie esperienze passate,
                                            a volte montavo nei miei clienti(producevo impianti solari termici monoblocco 200/300 lt)
                                            dei dosatori polifosfati con contenitore trasparente, quelli da 30€ per interderci,
                                            da noi l'acqua è molto dura 70/80 C° francesi, e di solito il calcare si deposita nei collettori e bollitori, risolvo il problema con il lavaggio con acido muriatico.
                                            Comunque in quei pochi casi che ho montato il dosatore di polif. ci sono ritornato dopo qualche anno per controllo, e aimè,a mia sorpresa ho trovato i tubi del pannello solare completamente puliti, in qualche caso di meno, ma poi scopro il motivo, e cioè a volte dimenticavano di aggiungere i polifosfati quando questi si esaurirono, e sembra(in base all'uso dell'acqua) dopo solo un mese ce da aggiungere.
                                            La temperatura dell'acqua nei pannelli solari, da noi si aggira intorno 45/60 C° d'inverno, e sui 60/75 C° in estate, certo poi dipende dall'uso dell'acqua, è naturale che se si consumano 600/700 litri di acqua calda al giorno(come qualche mio cliente che si lamentava che l'acqua non era abbastanza calda) è naturale che le temperature si abbassano nel bollitore solare.
                                            Quindi a parte gli addolcitori che funzionano per l'acqua calda(non da bere), i dosatori di polifosfati aiutano parecchio se non si arriva a temperature oltre i 70C°, e con spese irrisorie, poi sugli effetti sulla pelle dei polifosfati non saprei dire, la legge comunque non li vieta.
                                            Altre soluzioni non ne vedo, anche la microfiltrazione può fare niente contro i carbonati e bicarbonati di calcio e magnesio.
                                            Buona giornata a tutti.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Salve a voi, ho fatto un pò di chimica ma ora sono solo reminescenze e non competo nell'argomento. Però, anni fa, ho avuto un problema con il solare termico a caduta naturale dovuto al calcare. L'impianto appena montato era una bomba, abito in provincia di cagliari, l'acqua calda non finiva mai, ma a ottobre ho avvertito un calo enorme e controllando il pannello, quindi smontanto i tubi, mi sono reso conto che la produzione di acqua calda si era notevolmente ridotta perchè i tubi all'interno erano completamente bianchi e questo era dovuto al calcare. Per dare un'idea, appena smontavo un tubo e lo svuotavo dall'acqua il calcare per effetto del calore dovuto all'esposizione al sole si staccava dal tubo e cadeva a terra, parlo di spessori tipo ostia. Dopo vari tentativi e studi avevo escluso i polifosfati perchè se è vero che fanno precipitare il carbonato, sono a loro volta dei sali che opacizzano il tubo in vetro. alla fine, anche per farla breve, ho optato per un trattamento con 4 litri di aceto direttamente nel serbatoio e dopo, ogni sei mesi, un litro e il pannello è rinato e tra breve compirà 11 anni ed è in perfetta salute. Saluti.
                                              p.s.
                                              scusate l'italiano, ho scritto di getto.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Innominato, scusa se ti chiamo, ma son passati vari giorni dalla mia domanda. Scusa per il disturbo.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  ciao Ema ,perdona la mia sbadataggine

                                                  ho visto che alcuni sconsigliavano i dosatori non proporzionali (filtri) dicendo che quelli proporzionali erano meglio, ma non spiegavano le motivazioni?
                                                  potrebbe essere vero, nel senso che i dosatori proporzionali consumano sempre una quantità di polifosfati proporzionale all'acqua da trattare in modo da mantenere sempre la stessa conc in ppm(presenza di un' eiettore) , mentre i dosatori non proporzionali riducono pian piano la loro superficie di contatto .

                                                  Poi, secondo te, per la lavatrice, potrebbe andare bene il filtro GF Lavatrix che vendono a 6€ ?
                                                  forse per lavatrice può andare , anche se normalmente i complessanti come EDTA e/o polifosfati sono già presenti nel detersivo .
                                                  E il Lavatrix si ricarica aprendolo da sopra o altro?
                                                  dalle specifiche vedo che non è per uso potabile , si puo' ricaricare dall'alto .

                                                  cordialmente

                                                  Francy
                                                  Ultima modifica di Ospite; 08-11-2015, 23:26.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    OK, allora penso che lo prenderò proporzionale. Ma leggendo su come ricaricarlo, da quel che ho capito, uno riempie il contenitore, poi si aggiunge acqua, si mescola e si rimette nel dosatore. Giusto?Questo dosatore va bene: http://web.idraclimashop.com/WebRoot...2015-05-22.jpg.
                                                    P.S. ma i polifosfati danno problemi sulla pelle quando si fa la doccia o lavano le mani?
                                                    Ultima modifica di emanu37429; 09-11-2015, 06:26.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Ciao Francy!
                                                      Scusa se non ti ho più scritto ma è un periodaccio!
                                                      Ti ringrazio moltissimo del supporto. Quindi confermi che in questo caso, con le temperature in gioco il filtro a polifosfati non serve a nulla se non addirittura a peggiorare le cose...
                                                      Vedrò di prendere un filtro addolcitore con resine.
                                                      Lo avevo già nella vecchia casa e un po me ne intendo, vedrò di trovare qualcosa di adatto senza spendere troppo.

                                                      @emanu: i polifosfati non danno problemi sulla pelle in concentrazioni come da questi filtri. Solamente rendono l'acqua non potabile.

                                                      Grazie a tutti,
                                                      Roy
                                                      Essere realisti e fare l'impossibile

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        OK, una preoccupazione in meno. Mi resta da capire solo come devono essere poi ricaricati.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          buon giorno a tutti

                                                          ema , i polifosfati sono contenuti in svariati alimenti , alcuni esempi: salumi , formaggi , budini, bevande a base di cioccolato , merendine , cewingum ...etc , la loro azione negli alimenti è prettamente estetica( strutturalmente l'aspetto dell'alimento risulta maggiormente compatta e lucida, effetto emulsionante addensante ). oltre che di ritenzione idrica (diminuzione di peso meno drastica nelle stagionature lunghe ).

                                                          potrebbero esserci soggetti che presentano intolleranze ai polifosfati.

                                                          questa piccola parentesi per spiegarti che inconsapevolmente anche se non li vediamo ...., in molti casi ce li mangiamo .

                                                          importante però è la qualità del polifosfato che deve essere certificato per alimenti.( anche se personalmente non la berrei( o meglio , la berrei solo se non ci fosse alternativa) , ma io sono un caso a parte per queste cose, alimenti addizionati di polifosfati, nitriti , solfiti ..e quant'altro non sono ben accetti in casa mia ).

                                                          P.S. il dosatore proporzionale dosa circa 1-2 mg/l , cioè 1-2 parti per milione in peso (ppm)

                                                          comunque ecco il metodo di ricambio della vaschetta di polifosfati

                                                          http://www.mentepratika.itCon questo Tutorial vogliamo mostrarvi come sostituire con estrema semplicità la cartuccia di un addolcitore idrico. Questo strumen...


                                                          ...

                                                          e questo se vuoi acquistare la polvere ( io i guantini per manipolare la sostanza pura li metterei )

                                                          Con questo tutorial vorremmo mostrarvi come poter ricaricare delle cartucce di un dosatore anti calcare di polifosfati risparmiando almeno il 50% per ogni ca...



                                                          ciao Roy se poi hai bisogno per il dimensionamento dolcificatore ,sono a disposizione

                                                          cordialmente

                                                          Francy
                                                          Ultima modifica di Ospite; 09-11-2015, 13:45.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            OK, l'ho visto il video. Ma mi viene un dubbio, su alcuni forum, certa gente si lamentava che la quantità di polifosfati nel dosatore proporzionale non diminuiva e di conseguenza non funzionava. È una cosa che può succedere frequentemente o sono casi rari?

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X