Consiglio - Rifacimento impianto - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Consiglio - Rifacimento impianto

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Consiglio - Rifacimento impianto

    Buongiorno nuovamente a tutti,
    grazie ai vostri consigli sono riuscito a "passare" l'inverno senza troppi grattacapi con "l'impianto" (chiamarlo tale è un complimento) che, ahimè, mi sono trovato nella nuova casa. Avvicinandosi la bella stagione vorrei mettere in atto tutta una serie di accorgimenti per prepararmi al prossimo inverno.
    Purtroppo ho interpellato alcuni idraulici della zona ma non mi convincono molto, ad esclusione di uno che onestamente mi consiglierebbe sull'impianto ma lascerebbe ad altri la scelta del generatore. Sono quindi a chiedervi con umiltà qualche consiglio spassionato onde evitare di fare scelte sbagliate o completamente fuori luogo. Andiamo al dunque:
    - La casa è dei primi anni 80 su tre piani, due fuori terra e il primo fuori per metà. Totali 280mq, circa 110 sono del piano terra dove ci sono i garage e una taverna (che quindi non mi interessa scaldare). Primo piano zona giorno, secondo piano zona notte e un bagno. Confine fra friuli e veneto
    - L'impianto idrualico è di ferro con radiatori in alluminio e impianto monotubo . In un garage e in taverna sono presenti due fancoil.
    - In centrale termica hanno diviso l'impianto in tre zone (una per piano) e installato una karmek one marta da 18kw (rendimento 75%), un bollitore (penso red ma non trovo etichette) da 3 hl con attacco per solare, gruppo solare icma S1, solo ACS, niente acqua tecnica.
    - Sul tetto ci sono 40 tubi heat pipe della templari.
    - In casa siamo attualmente in due (in futuro spero in 4 ) e abbiamo installato un camino palazzetti da 22kw con ventilazione forzata al primo e al 2 piano, che vorremmo mantenere anche in futuro come riscaldamento principale.

    La mia idea sarebbe di isolare tutto il soffitto del piano terra con polistirolo da 8cm (il pavimento del piano primo è ghiacciato in inverno) e approfittavo di questo per passare al suo interno nuovi tubi per l'impianto sanitario e di riscaldamento. In questo modo eliminavo quasi del tutto le tubazioni di ferro (rimangono solo nell'ultimo tratto in bagno) e completamente il monotubo per il riscaldamento.

    Impegnandomi in un lavoro del genere mi sono chiesto, ma la caldaia e il bollitore sono adeguati? Tengo a precisare che inizialmente la caldaia non scaldava nulla (vedi https://www.energeticambiente.it/ter...one-marta.html), alla fine collegando correttamente mandata e ritorno e rifacendo i settaggi sono riuscito a scaldare casa (grazie ancora scresan per i tuoi consigli!). Secondo me comunque è sottodimensionata, quando, alla fine, l'ho fatta andare era fine gennaio e le t esterna era sopra i 5 gradi, non so se in un inverno rigido sia sufficiente.

    Le domande che mi vengono sono le seguenti:
    - per quanto economico il pellet, questa caldaia quando va a pieno regime devo caricarla almeno una volta al giorno, e il cassetto delle ceneri va suotato molto spesso
    - in giardino c'è un bombolone per il gpl interrato, manca però l'allaccio dal bombolone al locale tecnico
    - la zona non è metanizzata e quindi le opzioni sarebbero: gasolio (dovrei mettere anche una cisterna), gpl (da considerare anche l'allaccio) e pellet (il must però è la caldaia sia autonoma il più possibile a caricarsi il pellet e per il cassetto ceneri)
    - il bollitore è adeguato? o è troppo piccolo? perchè vedo che per il conto termico con una caldaia a pellet bisogna avere almeno 20litri ogni kw di potenza
    E di conseguenza ho questi dubbi:
    - ha senso installare una caldaia a pellet di potenza adeguata con conseguente bollitore da diversi ettolitri di acqua tecnica? da un lato sfrutterei il solare, però mi val la pena tenere tutta quest'acqua calda quando siamo solo in due a lavarsi e per scaldarci usiamo il camino?
    - la caldaia per i termi solo nelle giornate in cui torniamo tardi e non c'è voglia di accendere il camino e durante la notte per tenere un minimo di temperatura.
    - è vero che il gpl costa parecchio, però dovrebbe essere anche più economica la caldaia, o sbaglio? cosi da fare acs istantanea (magari preriscaldata dal solare).
    - poi ho visto, ad esempio, la solarfocus octoplus che sembra avere tutto integrato e mi sono ricreduto un po' sul pellet. però bisogna anche avere lo spazio per lo stoccaggio... adiacente al vano caldaia (che è piccolino) sto costruendo una tettoia che potrei chiudere da un lato in modo da evitare che l'eventuale contenitore di pellet prenda pioggia, ma il pellet può stare all'aperto? (coperto da un tetto ovviamente).

    Grazie a chiunque avrà la pazienza di leggere e di rispondere.... o eventualmente di offrirsi per una consulenza in loco (pagando ovviamente)... o ancora a consigliarmi un termoidraulico competente per la zona.

    grazie ancora a questo stupendo forum.

  • #2
    attenzione, tu hai un gran vantaggio: puoi usufruire del conto termico 2.0

    per il discorso pellet, non sei obbligato a metterlo nelle vicinanze della caldaia

    ti scrivo in pvt alcune cose
    riscaldamento a biomassa e PDC
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

    Commenta


    • #3
      .... le variabili che indichi vanno in direzione opposta alla tua ipotesi di caldaia sottodimensionata.

      Mi verrebbe da dire che potresti comunque fare delle modifiche utili anche ad un cambio successivo della caldaia.

      1- isolare il pavimento a contatto con i garage .... mai euro spesi meglio!
      2- eliminare il bollitore da 300 lt, al limite con 40 tubi sottovuoto, e sostituirlo con un puffer combi da 600-800 lt dove collegare i tubi ai serpentini, la caldaia attuale e i collettori dell' impianto
      3- munire la caldaia di sistema anticondensa
      4- sostituire i circolatori sui collettori con nuovi elettronici muniti di programmi specifici per il tuo impianto
      5- settare a dovere la caldaia per la nuova configurazione.

      In un secondo tempo potrai sostituire la caldaia con una piu' performante se necessario!

      Commenta


      • #4
        Io per certi versi ho una abitazione simile alla tua anche se più piccola, dove integro il riscaldamento con un termocamino al piano superiore .

        Se ho capito bene hai l'abitazione di 70 mq per piano e sotto taverna e garage da 110 mq ?

        Non ho capito che consumi hai di pellet .

        Comunque a vedere le foto delle ceneri che hai pubblicato sull'altro post non mi pare che bruci molto bene il pellet la tua caldaia oppure ustilizzi un pellet davvero scadente.

        Il cassetto ceneri della mia lo svuoto ogni 40 sacchi circa più che altro per curiosità mia per controllare , non mi è mai capitato di averlo pieno .

        Concordo con Scresan sulla necessità di isolare il pavimento cioè il soffitto del garage/taverna, metti almeno 8-10 cm di polistirene estruso, se hai il soffitto il cemento armato è un lavoro molto veloce, io l'ho fatto per una parte del garage , due ore per 16 mq.
        Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

        Commenta


        • #5
          Ciao Lucamax,
          l'abitazione ha 110mq il piano "giorno", 110 di taverna e garage e i restanti 65 circa di secondo piano.
          I consumi di pellet sono minimi perchè lo stavo usando solo per l'acs, non ho modo di fare un raffronto quindi. la foto era prima della fase di settaggio, anche se usavo pellet a1 ;-) adesso lascia polveri finissime ma non fa più cosi freddo da poterla testare per il riscaldamento.

          Commenta


          • #6
            Sette, se il tuo generatore principale resta il TC..io farei solo il minimo..cioè isolamento soletta , cambio tubi ferro, VAC.

            Comuqnue se la casa è anni 80 e visto i clima freddo della zona..prima o poi dovrai pensare ad isolare le pareti..a quel punto impianto si "risolve" da solo.

            Se costo cappotto non è proibitivo, io non inizierei a spendere soldi in generatori grandi..che poi con isolamento sarebbero anche esuberanti..ma isolerei , e userei sono a fine vite quel che ho, tanto se isoli anche la resa 75% non è piu un problema fondamentale.
            Quando caldaia schiatta, ne metti una nuova , sempre piccola, con serbatoio e cassetto adeguato, con puffer combi

            Il 2017 rischia di essere ultimo anno per cappottare con 65% di detrazione..che è davvero ottimo incentivo
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
              Sette, se il tuo generatore principale resta il TC..io farei solo il minimo..cioè isolamento soletta , cambio tubi ferro, VAC.

              Comuqnue se la casa è anni 80 e visto i clima freddo della zona..prima o poi dovrai pensare ad isolare le pareti..a quel punto impianto si "risolve" da solo.
              .....

              Il 2017 rischia di essere ultimo anno per cappottare con 65% di detrazione..che è davvero ottimo incentivo
              i preventivi "a spanne" del cappotto mi davano proprio un costo proibitivo, per questo l'avevo escluso per il momento non è un termocamino ma un camino ad aria, ma poco cambia nel tuo concetto leggendo in lungo e in largo sono giunto un po' alle tue conclusioni... forse deciderò di fare un altro inverno dopo aver isolato la soletta e montato la VAC per valutare più in dettaglio il reale fabbisogno, dopodiche poi vedrò il da farsi e sceglierò il generatore più corretto.

              sembra che non lo rinnovino più il 65%?? cioè l'hanno prorogato fino ad adesso e dal 2018 basta?!?

              Commenta


              • #8
                diciamo che il 65% è quello sempre piu "a rischio"..sia perche dupplica molte cose del Ce termico..sia perche dupplica altre cose di quello "edilizia".
                Si parla di portarlo = a quello edilizia..che pero potrebbe scendere al 36%
                per cui non dico che i lavori oggi incentivati al 65% non lo saranno piu..ma potrebbero esserlo fra il 36 e il 50%.
                Ma potrebbero anche riconfermare 65% cosi come sta..son cose che fanno a dicembre di ogni anno...diciamo che la coperta sempre piu corta non fa mai sperare bene..ma magari mi sbagli.
                io per non sapere leggere , ho deciso dopo 3-4 anni che rimando, di usarlo in una seconda casa..non so..ho la sensazione che scende..e onestamente il 65% mi pare davvero alto come incentivo, in un periodo in cui i soldi in banca non rendono nulla..

                per il resto, anche a me hanno fatto preventivo cappotto proibitivo, dovuto a facciata particolaremente tormentata..grandi superficie..fregi di pregio..per cui ho pure io desistito..e optato per carburante a basso costo (aria esterna e sole)..dotandomi di pdc e fv.
                spesa scesa da 3000 euro a circa 550 euro...pari isolamento
                Tu non hai una spesa da limare..perche capisco che vai a legna..ma piu un discorso di lavoro/confort da ottimizzare.

                metti isolamento sotto, cambia tubi e metti VAC..e poi vedi..magari se è una caldaia "vecchio stile" capace pure che mangia vari triti senza essere schizzinosa..potresti provare nocciolino ..calare spesa globale e aumjenatre le ore caldaia rispetto alle ore di camino ventilato..ne guadagni penso in meno lavoro da fuochista.
                magari un bravo meccanico o lattoniere riesce ad aumentare la dimensione della tramoggia attuale? non so...butti li...
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                  diciamo che il 65% è quello sempre piu "a rischio"..sia perche dupplica molte cose del Ce termico..sia perche dupplica altre cose di quello "edilizia".
                  già.. ogni anno decidono al 20 dicembre come procedere... beh mi auguro che continuino almeno per il 2018 ;-)

                  per il resto, anche a me hanno fatto preventivo cappotto proibitivo, dovuto a facciata particolaremente tormentata..grandi superficie..fregi di pregio..per cui ho pure io desistito..e optato per carburante a basso costo (aria esterna e sole)..dotandomi di pdc e fv.
                  spesa scesa da 3000 euro a circa 550 euro...pari isolamento
                  per fare un raffronto corretto proverò a farmi fare un preventivo esatto cosi almeno posso confrontare con i vari pro e contro dei preventivi finiti, caldaia, cappotto, ecc anche se ho paura della cifra che salterà fuori ;-)


                  Tu non hai una spesa da limare..perche capisco che vai a legna..ma piu un discorso di lavoro/confort da ottimizzare.
                  metti isolamento sotto, cambia tubi e metti VAC..e poi vedi..magari se è una caldaia "vecchio stile" capace pure che mangia vari triti senza essere schizzinosa..potresti provare nocciolino ..calare spesa globale e aumjenatre le ore caldaia rispetto alle ore di camino ventilato..ne guadagni penso in meno lavoro da fuochista.
                  magari un bravo meccanico o lattoniere riesce ad aumentare la dimensione della tramoggia attuale? non so...butti li...
                  già, penso che la spesa andando con una buona caldaia a pellet o a legna sia la stessa, sto cercando solo la soluzione più economica e valida fra le opzioni confortevoli... ;-) il bravo fabbro c'è, ma la voglia di fare esperimenti non più ;-) anche perchè la caldaia non si presenta benissimo, se la userò la farò andare con l'alimento per cui è pensata ;-)

                  grazie dei suggerimenti!

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X