annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Coibentazione tetto/sottotetto/mansarda: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Coibentazione tetto/sottotetto/mansarda: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

    Premessa: abito in una vecchia casa di campagna a due piani, l&#39;anno prossimo ( visto che la Finanziaria 2008 ha prorogato la detrazione 55% per risparmio energetico ) aggiornerò l&#39;impianto di riscaldamento, con caldaia GPL a condensazione, pannelli solari, radiatori con termoregolazione e infissi con vetro basso emissivo.<br>Problema: la dispersione termica del tetto della mia abitazione è enorme, infatti le tegole ( portoghesi ) sono &quot;a vista&quot;, semplicemente appoggiate alla listellatura fissata ai longheroni, quindi vanivicherebbe buona parte del risparmio energetico prodotto dalle modifiche all&#39;impianto di riscaldamento....<br>Volevo chiedere consiglio su quali interventi eseguire per l&#39;isolamento termico del tetto &quot;dal basso&quot; ( cioè senza togliere e rimettere l&#39;intera copertura di tegole e relativa listellatura ), con un buon rapporto costo/rendimento, e soprattutto volendolo fare il lavoro in proprio senza far intervenire ditte specializzate, e senza voler raggiungere gli standard di isolamento necessari per ottenere la qualificazione energetica per la detrazione 55% ( per questo specifico intervento ),<br>Io come ipotesi iniziale avrei pensato all&#39;applicazione di pannelli di materiale tipo polistirene ( giallo o azzurro ? ) a contatto della listellatura, nello spazio tra i longheroni, poi creazione di un &quot;tavolato&quot; fissando assi in legno ( oppure pannelli di cartongesso &quot;antiumidit&agrave;&quot; ) alla faccia inferiore dei longheroni, per limitare i ponti termici e creare camere d&#39;aria negli spazi tra i longheroni stessi.<br>Critiche, consigli, suggerimenti?<br>Grazie anticipate a tutti.

  • #2
    Fai una foto del tetto all&#39;interno, così si capisce meglio come è fatto.<br>Il sottotetto è abitato?
    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

    Commenta


    • #3
      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 7/12/2007, 08:18)</div><div id="quote" align="left">Fai una foto del tetto all&#39;interno, così si capisce meglio come è fatto.<br>Il sottotetto è abitato?</div></div><br>Il sottotetto è utilizzato ( e continuer&agrave; ad esserlo ) solo come deposito/ripostiglio <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2a7df6801487d46948f7e64faae047fd.gif" alt="-_-"> .<br>Come richiesto farò delle foto per rendere meglio l&#39;idea di quello che ho tentato di descrivere nel mio primo post <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dca468581d1a27546ebc49dd611bf251.gif" alt=""> .<br>Grazie a tutti.<br>

      Commenta


      • #4
        Finalmente riesco a postare le foto del tetto visto da sotto ( vista del &quot;sottotegola&quot; )<br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/2/1/3/4/7/6/1198884615.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a0884a590ed4ac5be4e90e6ac797008d.jpg" alt=""></a><br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/2/1/3/4/7/6/1198884526.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a56c90f9057e7c44669a18ea3f1bf30a.jpg" alt=""></a><br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/2/1/3/4/7/6/1198884465.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1792bc25d99a538c4a973eb7e2700279.jpg" alt=""></a><br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/2/1/3/4/7/6/1198884419.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ffd293dd1d9cf00e18983ae71690eb40.jpg" alt=""></a><br><br>Spero si riesca a vedere bene <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/965fa84b18ab294baba82e8740dde815.gif" alt=":unsure:"> ...<br>Ciao e Buon Anno a tutti <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5e30b921b1c04f420cebb99498e7b5b5.gif" alt="">

        Commenta


        • #5
          Trattandosi di un locale non &quot;abitato&quot; io troverei la soluzione più economica, lasciando perdere l&#39;estetica.<br>pannelli di polistirene, polistirolo a bassissima densit&agrave;, quindi leggero, o il materiale più economico che trovi in zona di spessore non inferiore a 10 cm., al limite spesso quanto i longheroni per andare a filo.<br>Semplicemente incollati, magari leggermente incastrati sui fianchi.<br>A vista, oppure, se vuoi dare un tocco estetico, perlinato posato di traverso rispetto ai longheroni.<br>Non preoccuparti della condensa perchè i longheroni in legno interrompono la continuit&agrave; del materiale polistirene/polistirolo, poco traspirante.
          Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 29/12/2007, 11:10)</div><div id="quote" align="left">Trattandosi di un locale non &quot;abitato&quot; io troverei la soluzione più economica, lasciando perdere l&#39;estetica.</div></div><br>Infatti questo è il mio scopo <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/fd7b99964c22f9468074bbe77eb0982a.gif" alt=":B):"><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">pannelli di polistirene, polistirolo a bassissima densit&agrave;, quindi leggero, o il materiale più economico che trovi in zona di spessore non inferiore a 10 cm., al limite spesso quanto i longheroni per andare a filo.</div></div><br>I longheroni sono alti circa 19 cm. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2b7f2d9e96886498ae84c64ed6a5b1fd.gif" alt=":"> &#33;&#33;&#33; Visto l&#39;utilizzo non abitativo dei locali, riempire tutti i 19 cm. mi sembra esagerato ( oltrechè molto costoso )...<br>Anzi gi&agrave; 10 cm. come da te indicato mi sembra più che sufficiente <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dae7ec3e9bd1e80e44f008543f24529b.gif" alt="^_^"> ...<br>Materiali come <span style="color:red"><a href="http://www.ursa.it/_files/01_XPS_N_III-I.pdf" target="_blank">QUESTI</a></span> potrebbero fare allo scopo?<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Semplicemente incollati, magari leggermente incastrati sui fianchi.</div></div><br>Incollati ai listelli o ai longheroni? Io pensavo, invece, di tenere in posizione ( cioè a contatto dei listelli ) i pannelli mediante asticelle di legno di sez. circa 40x40 mm. avvitate ai longheroni ( magari dopo aver &quot;sparato&quot; nei punti di contatto longherone/pannelli/asticella del sigillante tipo silicone o simili ) <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/73a0a95b746fd0445dc27e876ddbcab3.gif" alt=":huh:"> .....<br>Che intendi con &quot;incastrati sui fianchi&quot;?<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">A vista, oppure, se vuoi dare un tocco estetico, perlinato posato di traverso rispetto ai longheroni.<br>Non preoccuparti della condensa perchè i longheroni in legno interrompono la continuit&agrave; del materiale polistirene/polistirolo, poco traspirante.</div></div><br>Io pensavo ad un ulteriore chiusura con assicelle grezze ( che costano meno delle perline ) non tanto per un fatto estetico, quanto per ridurre i ponti termici costituiti dai longheroni e per creare una &quot;camera d&#39;aria&quot; tra le assicelle ed i pannelli di polistirene ( pensando che potesse contribuire a migliorare l&#39;isolamento).<br>Quanto alla condensa, avevo parlato di &quot;cartongesso antiumidit&agrave;&quot; per aver sentito spesso parlare in questo forum di &quot;barriera vapore&quot; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/73a0a95b746fd0445dc27e876ddbcab3.gif" alt=":huh:"> ...<br><br>Grazie e Buon Anno.<br>Conahar<br>

            Commenta


            • #7
              Il polistirolo/polistirene ha una massa volumica molto bassa, nel tuo caso basta quello da 15 kg/mc ed è quindi molto leggero.<br>Quindi lo puoi semplicemente incollare ai listelli, quelli immediatamente a contatto delle pignatte, poichè il pannello lo dovrai tagliare a misura, così ad occhio l&#39;interasse fra i longheroni è minore di 60 cm., che è la larghezza standard dei pannelli, lo tagli 4-5 mm. più largo.<br>Poichè lo devi tagliare non serve a niente comprarlo battentato, si prende così quando si deve accostare un pannello all&#39;altro, ma non è il tuo caso.<br>Ora poichè con una densit&agrave; di 15 kg/mc è abbastanza cedevole si può incastrare ai longheroni.<br>Va bene per le assicelle, però tieni conto che una &quot;camera d&#39;aria&quot; oltre il cm. non serve a niente ai fini dell&#39;isolamento in quanto si innescano dei moti convettivi che ne vanificano del tutto lo scopo.<br>Ti confermo che se non ci sono ragioni estetiche, lascia perdere, anche per la funzionalit&agrave; anticondensa.<br><br><span class="edit">Edited by dotting - 31/12/2007, 08:55</span>
              Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

              Commenta


              • #8
                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 31/12/2007, 08:01)</div><div id="quote" align="left">Il polistirolo/polistirene ha una massa volumica molto bassa, nel tuo caso basta quello da 15 kg/mc ed è quindi molto leggero. Quindi lo puoi semplicemente incollare ai listelli, quelli immediatamente a contatto delle pignatte.</div></div><br>Che tipo di collante dovrei usare, che faccia presa sul legno e che sia compatibile col polistirene ( ovvero non lo &quot;sciolga&quot; )?<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 31/12/2007, 08:01)</div><div id="quote" align="left">Poichè il pannello lo dovrai tagliare a misura, così ad occhio l&#39;interasse fra i longheroni è minore di 60 cm., che è la larghezza standard dei pannelli, lo tagli 4-5 mm. più largo.Ora poichè con una densit&agrave; di 15 kg/mc è abbastanza cedevole si può incastrare ai longheroni. Poichè lo devi tagliare non serve a niente comprarlo battentato, si prende così quando si deve accostare un pannello all&#39;altro, ma non è il tuo caso.</div></div><br>Infatti per questi tipo di intervento il link che ho indicato si riferisce ai pannelli di tipo &lt; XPS N-III I > che sono a &quot;bordi laterali dritti&quot; ( quelli con bordo ad incastro penso di usarli per isolare il vano scala dell&#39;altro mio post ). Però mi sorge il problema di come sigillare le &quot;zone di contatto&quot; tra le estremit&agrave; dei pannelli.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (dotting @ 31/12/2007, 08:01)</div><div id="quote" align="left">Va bene per le assicelle, però tieni conto che una &quot;camera d&#39;aria&quot; oltre il cm. non serve a niente ai fini dell&#39;isolamento in quanto si innescano dei moti convettivi che ne vanificano del tutto lo scopo. Ti confermo che se non ci sono ragioni estetiche, lascia perdere, anche per la funzionalit&agrave; anticondensa.</div></div><br>Cioè l&#39;eventuale ulteriore rivestimento con le assicelle ( o con le perline, o con pannelli di compensato/multistrato/fibrolegno/ecc. porterebbe un miglioramento minimo/nullo al rendimento di isolamento termico rispetto ai soli pannelli di polistirene fissati &quot;intradosso&quot; ?<br>Come spessore dovrei prendere quelli da 10 cm. ( spessore max disponibile )?<br><br>Grazie e Buon Anno<br>Conahar

                Commenta


                • #9
                  Chi ti vende quel materiale ti potr&agrave; dare il miglior prodotto, che normalmente si da con la pistola, per incollare i pannelli fra di loro e sul legno.<br>Confermo che il miglioramento sarebbe esiguo.
                  Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

                  Commenta


                  • #10
                    Coibentazione tetto/sottotetto/mansarda: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

                    Salve, questo è il mio primo thread su questo forrum; ho letto qualche discussione già aperta ma da quello che ho capito in base al tipo di muro cambiano anche le soluzioni.
                    Abito in una mansarda con tetto fatto da pignatte di 20 e gettata di cemento di 4-5 cm coperto da tegole di cementegola.
                    Vorrei quindi coibentarlo dall'interno occupando meno spazio possibile (max 20mm).
                    Mi hanno consigliato pannelli di depron da 6mm oppure pannelli di sughero da 10mm...
                    Abito in una zona di montagna quindi in inverno il tetto porta via un sacco di calore; in estate invece è un vero e proprio termosifone...
                    Mi sapreste consigliare un modo per coibentare evitando muffe e fastidi simili?

                    Commenta


                    • #11
                      20 mm di coibentazione sono veramente pochi; già usando il polistirene non avresti grandissimo beneficio, non parliamone poi usando materiali meno efficaci come il sughero...

                      Inoltre la coibentazione dall'interno è SEMPRE pericolosa e va studiata molto attentamente: ti può provocare condense anche imponenti in un qualche punto ALL'INTERNO del muro... con tutte le conseguenze facilmente immaginabili.

                      Dovresti farti fare un progettino da un tecnico che verifichi la sezione del tetto, stenda il relativo diagramma di glaser e ti indichi l'efficacia della coibentatura, oltre all'eventuale necessità di interporre una barriera al vapore.

                      Oppure valutare l'unico strumento risolutivo: levare le tegole, sistemare il coibente sopra al solaio in laterocemento, e riposizionare le tegole.

                      Ancor meglio se usi i pannelli con inetrcapedine, realizzandocosì un ettto ventilato.

                      Dicevi che sei in montagna? Non servono tanti conti... con tutta probabilità, quello che ti servono sono 10 cm di polistirene.

                      Con un intervento del genere inoltre beneficeresti del credito d'imposta del 55%.
                      http://voglioilfotovoltaico.blogspot.com/

                      Commenta


                      • #12
                        Secondo me dovresti utilizzare entrambi i metodi, coibentazione sotto tegola e io metterei legno all'interno, altrimenti cartongesso con dietro un coibentante sottile in entrambi i casi ti servirà da 1,5 a 2 cm.

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Archimede2007 Visualizza il messaggio
                          20 mm di coibentazione sono veramente pochi; già usando il polistirene non avresti grandissimo beneficio, non parliamone poi usando materiali meno efficaci come il sughero...
                          Cosa intendi per poco beneficio?
                          Per la poca esperienza che ho (Per prova ho messo una striscia di depron in un angolo della cucina, una striscia nel tetto e una nel muro perchè avevo un problema di muffa nello spigolo causato da una differenza termica sfavorevole ed ha funzionato) posso dire che il depron rimane "caldo" anche se il muro è molto freddo. Se rivestissi tutto il tetto non avrei dispersione di calore.
                          Il problema purtroppo è, come dici tu , che probabilmente avrei condense...

                          Dato che nel perimetro del tetto le prime 3 file di tegole sono murate il lavoro che proponi non sarebbe "leggero" (anche economicamente) considerando che la superfice del tetto è più di 100mq

                          Con la perizia del tecnico che mi proponi sarebbe possibile risolvere con il solo cappotto interno?

                          Commenta


                          • #14
                            Con il sistema che dici tu i pannelli li devi incollare, e se devono durare devi togliere eventuali vernici e intonaci che potrebbero staccarsi, perchè passando da estate/inverno, dal riscaldamento acceso/spento, le parti subiscono variazioni, è un sistema meno complicato da installare, che ti evita la muffa ma un po disperderà e ci sono dubbi sulla durata, e il sughero non te lo regalano.
                            Mentre con il legno o il cartongesso su telaio o listelli puoi tagliare meglio il contatto con il cemento, e l'espansione e contrazione dei materiali è più tollerata.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da tinne Visualizza il messaggio
                              Cosa intendi per poco beneficio?
                              Per la poca esperienza che ho (Per prova ho messo una striscia di depron in un angolo della cucina, una striscia nel tetto e una nel muro perchè avevo un problema di muffa nello spigolo causato da una differenza termica sfavorevole ed ha funzionato) posso dire che il depron rimane "caldo" anche se il muro è molto freddo. Se rivestissi tutto il tetto non avrei dispersione di calore.
                              Distinguiamo: anche un pannello minimo, o anche un arazzo, è sufficiente ad eliminare la *sensazione* di freddo alla parete, e quindi SEMBRA efficace.
                              Tuttavia il suo potere isolante è quel che è...
                              In pratica: l'ambiente è più confortevole e *pare* più caldo, ma la bolletta impietosamente ti rivelerà che il consumo di gas resta pressocchè uguale...

                              Dato che nel perimetro del tetto le prime 3 file di tegole sono murate il lavoro che proponi non sarebbe "leggero" (anche economicamente) considerando che la superfice del tetto è più di 100mq

                              Con la perizia del tecnico che mi proponi sarebbe possibile risolvere con il solo cappotto interno?
                              Considera che il 55% te lo rimborserà lo stato... e non è poco.
                              Il "cappotto" interno dubito che possa essere risolutivo, e mi sento di escludere che si possa effettuare una cibentazione solo interna conforme alle normative per richiedere il 55%...
                              Però un sopralluogo di un tecnico riuscirà a valutare con precisione la cosa, ed anche preventivarti i costi approssimativi di una soluzione o dell'altra.
                              http://voglioilfotovoltaico.blogspot.com/

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              TOP100-SOLAR