Pannello solare ad aria

Collettore solare ad aria per riscaldamento: cos’è e come funziona

Un Pannello Solare ad Aria è essenzialmente un Pannello Solare Termico che produce Aria Calda semplicemente esponendo il Collettore alla luce Solare.

La differenza con i più conosciuti Pannelli Solari per il riscaldamento dell’acqua, sta nel fatto che il il fluido vettore anziché acqua è aria, che può circolare fra vetro e assorbitore, oppure fra assorbitore e fondo del pannello.

In concreto è una camera d’aria con un assorbitore solare opportunamente progettato, per produrre calore grazie all’irraggiamento solare, immetterlo dentro la propria abitazione, o qualsiasi locale anche poco utilizzato, e contribuire gratuitamente al suo riscaldamento.

Può essere utilizzato da solo (con più efficacia nel sud italia), o in ausilio ai riscaldamenti tradizionali abbattendone il costo di gestione.

In genere l’assorbitore è alettato in modo da rendere lento e tortuoso il percorso del flusso d’aria. Questo perché l’aria scambia calore con più difficoltà dell’acqua e bisogna quindi assicurare una sua maggiore permanenza all’interno del pannello per far sì che assorba maggiormente il calore solare.

Il pannello solare ad aria funziona senza alcuna necessità di alimentazione esterna, in genere l’unico componente che necessita di corrente è la ventola di ricircolo dell’aria che viene alimentata direttamente da un piccolo pannello fotovoltaico inserito nel pannello stesso o nelle sue vicinanze.

Pannello solare ad aria
Esempio di pannello solare ad aria per riscaldamento

Schema di funzionamento

Il collettore ad aria funziona come segue:

  • Il Sole irradia il Collettore Solare facendo aumentare la temperatura al suo interno;
  • Dalla parte posteriore del collettore, attraverso una piastra speciale costituita in genere da alluminio perforato, entra l’aria fredda;
  • All’interno è posta una superficie filtrante che ricopre l’intera struttura, filtra l’aria fredda in ingresso eliminando le possibili impurità;
  • L’aria fredda filtrata circola all’interno del Collettore Solare e viene riscaldata;
  • Nel frattempo, l’intero processo ha azionato, automaticamente, la ventola che soffierà nell’edificio l’aria preriscaldata;
  • La ventola può anche essere controllata da termostati e/o regolatori di velocità che consentiranno un utilizzo intelligente nella gestione delle temperature in base alla temperatura rilevata sia nel pannello che nell’ambiente da riscaldare.

Per avere un ordine di grandezza, un pannello solare ad aria di circa 1m2 può riscaldare una stanza di circa 40-50 m2

pannelli solari ad aria - varie tipologie

Molti collettori Solari possono essere dotati di un’apertura d’aria anche verso l’esterno consentendo un ricambio d’aria anche in pieno inverno, ma evitando di far uscire il calore ed anzi mantenendolo!

Ciò garantisce l’areazione continua ed autonoma (e gratuita) dell’aria interna diminuendo l’umidità interna ed evitando muffe e ristagni di inquinamento indoor.

Come installare i pannelli solari ad aria

I collettori solari possono essere installati, in base alle proprie esigenze e ovviamente con un occhio all’insolazione (evitare esposizioni a nord e limitrofe), sia sul tetto, sia a terra che a parete. La giusta inclinazione è garanzia del miglior risultato…

Nei pannelli acquistati in genere vi sono dei kit per le varie tipologie di installazione. Se effettuati col metodo del Fai da Te, bisognerà tenere conto in anticipo della posizione di installazione in modo da realizzare al meglio e con la minor distanza possibile tra il collettore solare e il punto di immissione dell’aria.

Lascia un commento