annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Indeciso: caldaie a Pellet o PDC?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Indeciso: caldaie a Pellet o PDC?

    Salve a tutti,
    apro questa discussione qui, in questa sezione, perch ve ne una simile nella sezione "biomassa", ma ingestibile, perch piena di gente che non interessata a un confronto sull'aspetto tecnico-economico, ma ad altro.
    Sono molte le persone che da incompetenti nel settore si pongono questa domanda dovendo cambiare sistema di produzione del calore, o peggio ancora a installarlo per la prima volta su una casa nuova.
    Proviamo ad aiutarle con competenza, senza interessi di parte, dimostrando loro cosa conviene di pi e dove.
    Iniziamo quindi dal trovare un esempio concreto, con numeri precisi precisi alla mano, di un immobile dove investire in un impianto a pellet possa convenire di pi che investire in un impianto in pompa di calore.

    ...si, ok, il rischio concreto di non ricevere alcuna risposta altissimo, perch probabilmente non esiste tale caso, quindi se volete intervenire con altro, fatelo pure, non abbiate paura

  • #2
    faccio da cavia.................................mi serve..

    Casa di720 circa metricubi, con altezze da 2,20 a 4 metri
    Riscaldata a metano fino al 2012, poi legna con impianto ULTRA economico e resa <80%
    N2019 realizzato cappotto con abbattimento delle dispersioni di un 60%, ancora non redatta L10 o certificazione ufficiale

    Consumi........del metano non ricordo e credo di non avre pu fatture dell'epoca, ricordo solo ce nei periodi "tosti" consumavo circa 10 metricubi al giorno per avere 19 gradi e non sempre
    Col la legna siamo sugli 80 Qli stagionata............per avere 21 gradi o piu h24

    I miei presupposti
    25 Kwh di terminali, radiatori in alluminio e 3 arredobagno in acciaoio, installati, Delta 50
    La caldaia a pellet, da 3 preventivi di marche "famose" sempre superiori ai 10.000 tutto compreso..................uno 15.000

    La realizzazione del cappotto qui in zona rivaluta un immobile del 20% minimo
    65% di detrazione fiscale...........
    Lavoro che per altro ho eseguito in prima persona a costo/manodopera ZERO

    Cosa conviene?????
    Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
    Utente EA dal 2009

    Commenta


    • #3
      Gi partiamo dal presupposto che con un impianto a pompa di calore pu stare tranquillamente sotto i 10.000 euro (un impianto da 16/17 kw ti garantirebbe l'effetto degli 80 quintali di legna di cui parli).
      Quindi gi come investimento iniziale ti conviene la pdc.

      Ma i motivi per i quali dovresti scegliere il pellet, quali sarebbero?

      I numeri, da ci che racconti, dicono che ti basterebbe avere terminali per circa 15 kw misurati e dimensionati a deltaT 30 (mandata di 50 gradi, tranquillamente garantita da una pdc nella tua giornata peggiore).

      Riesci a sapere se i tuoi lo siano da solo? o hai bisogno di una consulenza per scoprirlo? penso di no, un qualcosa di facile.

      Questo ovviamente per garantirti la certezza che la tariffa della pdc enormemente pi conveniente del pellet per via dei cop elevati (stiamo parlando che nella peggiore delle ipotesi la tua pdc manderebbe a 50 gradi).
      Ovviamente in grado di arrivare anche a deltaT 40, condizione per la quale la convenienza potrebbe ridursi. Ma non detto che ai fini stagionali non sia comunque superiore al pellet.
      Se nel primo caso abbiamo gi la certezza senza fare misurazioni per dirlo, nel secondo dobbiamo fare qualche calcolo in pi.

      Comunque anche se in questo ultimo caso, il pellet risultasse pi "conveniente" come combustibile, arriveremmo a risparmiare un 5/10% annuo.
      Che verrebbe eroso dai maggiori costi di manutenzione.
      Per non parlare di quelli dell'investimento iniziale che come vedi sono parecchi, e non recupereresti mai+.
      E per non parlare di tutti i disagi che il pellet ti causerebbe avere rispetto a una pdc.

      Stima quanto l'erogazione dei tuoi terminali con deltaT 30, e avrai la risposta ai tuoi dubbi.

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da fnucera Visualizza il messaggio
        Comunque anche se in questo ultimo caso, il pellet risultasse pi "conveniente" come combustibile, arriveremmo a risparmiare un 5/10% annuo.
        Che verrebbe eroso dai maggiori costi di manutenzione.
        Per non parlare di quelli dell'investimento iniziale che come vedi sono parecchi, e non recupereresti mai+.
        E per non parlare di tutti i disagi che il pellet ti causerebbe avere rispetto a una pdc.

        Stima quanto l'erogazione dei tuoi terminali con deltaT 30, e avrai la risposta ai tuoi dubbi.
        Oltre che l'aspetto economico, ci metterei anche l'aspetto ambientale. Perche' se anche uno risparmiasse qualche cosa con il pellet, (che poi e' da vedere) quel qualche cosa in piu' lo spenderei volentieri per non immettere CO2 e pm vari. A mio parere non e' aspetto da sottovalutare. Anzi.
        Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

        Commenta


        • #5
          Calcolate che quel consumo ante cappotto eh!!
          adesso dovrei consumare la meta.................
          Da calcoli ancora provvisori abbastanza una Pdc da 9 Kwh

          Eppoi mi sono "dimenticato" di scrivere che l'idea pellet tramontata subito..........il tempo di un batter d'occhi, visti i prezzi
          Parte dei soldi del "pellet" gia spesi in cappotto, il resto senza dubbio Pdc, prossimamente
          Il bello...............ci stanno tutti e due nel budget previsto per il cambio generatore

          I terminali installati erogano a delta 30 circa 13 Kwh, come da scheda produttore

          Adesso sono utilizzati in climatica con curva -5/45 +15/28

          Test con metano almeno fino a Dicembre...........per "renderi conto"
          Ultima modifica di scresan; 27-10-2019, 17:30. Motivo: Unione msg consecutivi.
          Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
          Utente EA dal 2009

          Commenta


          • #6
            Indeciso: caldaie a Pellet o PDC?

            Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
            se anche uno risparmiasse qualche cosa con il pellet, (che poi e' da vedere) quel qualche cosa in piu' lo spenderei volentieri per non immettere CO2 e pm vari.
            CO2 la immetti comunque.... a meno di usare solo energia green autoprodotta, il che non pu essere....

            Ricordo che per ogni kWh elettrico prelevato da rete ne servono circa 2.5 di energia primaria con il mix elettrico e le perdite della rete italiana, che possono fare 1 kg di CO2 (per ogni kWh elettrico prelevato)
            PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0, Tilt 26, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

            Commenta


            • #7
              Io scaldo 200 mq con meno di 8 q.li anno di legna secca.

              Commenta


              • #8
                Interessante! E' un refuso o sono 8 qli?

                Sarebbe bello capire cosa ti ha spinto a preferire la legna (caldaia? in sala termica? Stufa ad accumulo?) al posto del pellet e di una pdc.

                Hai anche fotovoltaico?

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                  CO2 la immetti comunque.... a meno di usare solo energia green autoprodotta, il che non pu essere....

                  Ricordo che per ogni kWh elettrico prelevato da rete ne servono circa 2.5 di energia primaria con il mix elettrico e le perdite della rete italiana, che possono fare 1 kg di CO2 (per ogni kWh elettrico prelevato)
                  E questo lo so. Lo hai ripetuto all'infinito(ma sono dati e conoscenze che sono alla portata di tutti).Come dici tu, basta informarsi. Non ci vuole un astrofisico per rendersi conto che la bilancia e' a favore della pdc. Resta il fatto che la produzione da fv ed energie alternative (non biomassa) e' in aumento. Se poi credi che non conosca la situazione, divertiti a ribattere. La situazione non cambia. Dal punto di vista ambientale la pdc, al momento, e' il meglio che si possa scegliere. Poi se si vuole buttarla sul risparmio, c'e' gente che chiede come usare i noccioli delle olive, la sansa, e tutto quello che si puo' bruciare, di origine vegetale. Parlane con loro, magari trovi la quadra.
                  Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                  Commenta


                  • #10
                    Non capisco perch te la prendi.... hai detto che la pdc non immette CO2 ed sbagliato. Bevetevi una camomilla ogni tanto.
                    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0, Tilt 26, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da dlrowolleh Visualizza il messaggio
                      Io scaldo 200 mq con meno di 8 q.li
                      E tu ci fai credere di scaldare 200 mq con 13 Kwh giorno.......................nemmeno in Tunisia
                      E se usi biomassa quando ripaghi l'impianto????
                      Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                      Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                      Utente EA dal 2009

                      Commenta


                      • #12
                        Rispondo anche se l'arroganza regna e io non devo fare credere nulla a nessuno.
                        In questa casa ci vivo da 3 anni ed ho consumato l'equivalente di 3 bancali di legna secca che pesati con bilancia erano 24 q.li.
                        Impianto? Nessun impianto, solo una stufa ad accumulo. Purtroppo ho speso soldi per fare un impianto a split e canalizzati che uso 10gg all'anno e mi costa un botto di manutenzione obbligatoria per via dei controlli f-gas in quanto splittata.

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                          Non capisco perch te la prendi.... hai detto che la pdc non immette CO2 ed sbagliato.
                          C' molta gente che pensa all'energia elettrica green solo perch non si ritrova centrali nucleari sul territorio, poi gli dici che la compri dalla Francia e dalla Svizzera e pensano ancora che venga prodotta da persone che pedalano collegate ad una dinamo...

                          Monti prenestini (RM) - 1885gg
                          LG Therma V Split R32 9kW + ECO COMBI1 500lt (impianto a termosifoni)
                          Fotovoltaico 4.76 kWp

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da dlrowolleh Visualizza il messaggio
                            ......Nessun impianto, solo una stufa ad accumulo. ......
                            Mi interessa! Vorrei sapere la marca della stufa e tipologia impianto. Ho un termocamino da 20 anni e da sostituire tra non molto, consumo circa 100qli di faggio, e 800 litri di gpl ogni anno per riscaldare a 19gradi 250 mq.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da dlrowolleh Visualizza il messaggio
                              Io scaldo 200 mq con meno di 8 q.li anno di legna secca.
                              Ma infatti. Unico uso sensato questo. Casa in classe A e legna autoprodotta. Io approvo. 3 rami all'anno.

                              Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
                              pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da sergio&teresa Visualizza il messaggio
                                Non capisco perch te la prendi.... hai detto che la pdc non immette CO2 ed sbagliato. Bevetevi una camomilla ogni tanto.
                                Hai ragione, chiedo venia.Ad ogni modo, la pdc immette la co2 da produzione energia elettrica, che sappiamo in continuo abbassamento per la maggiore quota di sostenibili, il pellet produce co2 fin dalla produzione. E ne produce anche per il trasporto dato che molto viene prodotto all'estero. Non mi dato quantificarlo, ma non mi pare sostenibile.
                                Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da raffaelem Visualizza il messaggio
                                  C' molta gente che pensa all'energia elettrica green solo perch non si ritrova centrali nucleari sul territorio, poi gli dici che la compri dalla Francia e dalla Svizzera e pensano ancora che venga prodotta da persone che pedalano collegate ad una dinamo...

                                  [ATTACH]73289[/ATTACH]
                                  Il grafico esaustivo e chiaro. Sicuramente il nucleare non immette pm e co2. Ma cosa c'entra con la produzione di co2 e sostanze inquinanti, derivanti da una pdc e quella derivanti dal pellet?
                                  Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da Giuzol Visualizza il messaggio
                                    Mi interessa! Vorrei sapere la marca della stufa e tipologia impianto. Ho un termocamino da 20 anni e da sostituire tra non molto, consumo circa 100qli di faggio, e 800 litri di gpl ogni anno per riscaldare a 19gradi 250 mq.
                                    Non riesci ad isolare qualcosa, tipo un sottotetto accessibile? Il Gpl solo per acqua sanitaria o riscaldi anche?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
                                      Ma cosa c'entra con la produzione di co2 e sostanze inquinanti, derivanti da una pdc e quella derivanti dal pellet?
                                      La quota maggiore di energia prodotta e contrassegnata come "Termoelettrica tradizionale" rappresenta la parte prodotta utilizzando "roba" come carbone, olio combustibile, gas naturale...

                                      Per fare un discorso di bilancio ambientale, come quello che state tentando di fare, tra generatori a pellet e PDC bisogna come minimo risalire alla fonte, altrimenti si scambiano "ca$$i per appendiabiti" (come recita un detto locale )
                                      Monti prenestini (RM) - 1885gg
                                      LG Therma V Split R32 9kW + ECO COMBI1 500lt (impianto a termosifoni)
                                      Fotovoltaico 4.76 kWp

                                      Commenta


                                      • #20
                                        [QUOTE=dlrowolleh;119922454]Rispondo anche se l'arroganza regna e io non devo fare credere nulla a nessuno.
                                        /QUOTE]

                                        Non si tratta di arroganza..................
                                        Se vivi in una casa a fabbisogno nullo altracosa..........
                                        Consumi 500 watt all'ora , ....................................questo lo abbiamo capito
                                        Poi dove li bruci altra cosa...............rimane il fatto che 500 Watt ora sono una potenza irrisoria per considerarlo "riscaldamento"

                                        un fiammifero mq.............................

                                        Mio pensiero eh!!
                                        Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                        Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                        Utente EA dal 2009

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Giusto Raffaelem

                                          E infatti io ho domandato se qualcuno conosce il bilancio energetico del pellet
                                          Per produrlo si usa gasolio e benzina per atterrare le piante e movimentarle fino in fabbrica
                                          Energia elettrica e gasolio per essiccazione e lavorazione
                                          Sacchetti in plastica e gasolio per il trasporto finale
                                          POI LO BRUCI
                                          Non vorrei che alla fine abbiamo creato un mostro che inquina come il gasolio e consuma il doppio de di quello che rende
                                          D'altronde con i prezzi correnti qualche sospetto viene ............usare gli scarti e pagarlo 2 volte e mezza la legna.......qualcosa non torna
                                          Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                          Utente EA dal 2009

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da raffaelem Visualizza il messaggio

                                            [ATTACH]73289[/ATTACH]
                                            Io, che ho la terza media, vedo che la produzione di energia elettrica da carbone/fossile diminuita negli ultimi anni....






                                            Inviato dal mio Redmi 4X utilizzando Tapatalk

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Pare di capire che se vogliamo diminuire le emissioni in futuro, solo l' utilizzo delle pdc (elettriche) lo permetter, al netto dei miglioramenti di isolamento dei fabbricati.

                                              Se continuiamo bruciare biomasse la co2 emessa sar sempre proporzionale all' energia utilizzata (combustione biomasse)

                                              Se aumentano le pdc la co2 emessa sar si proporzionale ell' energia utilizzata, al netto di quella prodotta con fonti rinnovabili (sole, vento, e maree).

                                              Ne deduco, che se guardiamo a lungo termine le pdc sono, dal punto di vista ambientale, piu' green delle biomasse, e permetteranno uno sviluppo piu' sostenibile dei sistemi di riscaldamento (e raffrescamento!! anche qui se c' la stufa dobbiamo comunque aggiungere una pdc) piu' tradizionali. (o meno "vecchi" se a pellet)

                                              Commenta


                                              • #24
                                                @America certo diminuita, il senso di quel che ho postato che l'energia che consumiamo (la quota maggiore) non ad impatto zero... anzi

                                                Per il resto sono del parere che bruciare qualsivoglia cosa (pellet, legna, cippato, nocciolino, sansa) per scaldarsi attualmente, alle soglie del 2020, roba da rivoluzione industriale inizio secolo... (per non dire medioevo :-) )

                                                Ho un riscontro di gente che vive in case costruite lo scorso anno qui in paese che sono in classe A, comprate su progetto, e che si sono fatti installare una termostufa in salotto ed impianto a termosifoni
                                                Un altro caso con pavimento radiante associato ad una solarfocus da 18k euro che consuma per 15kg di pellet a mese

                                                Insomma, di gente "strana" o mal consigliata o semplicemente disinformata/disinteressata ce n' parecchia in giro.
                                                Ultima modifica di raffaelem; 28-10-2019, 10:39. Motivo: precisazione sul combustibile inteso con qualsivoglia
                                                Monti prenestini (RM) - 1885gg
                                                LG Therma V Split R32 9kW + ECO COMBI1 500lt (impianto a termosifoni)
                                                Fotovoltaico 4.76 kWp

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Per in questo forum c' ancora chi sostiene che la biomassa sia ecosostenibile....

                                                  La verit che se non ci spostiamo su fonti completamente rinnovabili la situazione generale sar molto complicata nei prossimi decenni.
                                                  PDC e Fotovoltaico dovrebbe essere un must perch come ha ben notato America il FV/Eolico cresce e questo abbatte la parte termoelettrica....
                                                  Inoltre il fotovoltaico mi consente di pensare anche all'auto elettrica.
                                                  Insomma tutto un insieme che abbatte le emissioni di co2 in modo sostanzioso!

                                                  Quindi la domanda perch anche a parit di costo impianto dovrei mettere la biomassa e non pdc + fotovoltaico? (Spesso pdc + fotovoltaico costa meno della biomassa)
                                                  Per il proprio piacere personale? Beh per carit non lo metto in dubbio e ognuno sceglie ci che vuole, ma oggi siamo in questa situazione proprio a causa dei "vizi umani", che tutti abbiamo e ci piace essere "viziati" io per primo, ma nella situazione dove PDC+FV ti danno il MASSIMO COMFORT E LA MINOR SPESA, beh perdonatemi ma chi sceglie la biomassa solo per "ignoranza" poich il suo consigliere non conosce/non in grado di progettare altro.

                                                  Conclusione? Tutti in bicicletta forza!!!!!!
                                                  Scherzo ma se possiamo spendere gli STESSI soldi (o anche meno dato che poi la pdc+fv batte anche la legna come costo di esercizio) ed avere un impianto ecosostenibile sarebbe davvero egoistico non farlo.

                                                  Solo il VENDITORE di turno ci pu raccontare che non vero e metterci mille paure di rimanere al freddo con la pdc.
                                                  Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0, Tilt 14 e 11 ad Az 90, Tilt 24) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
                                                  Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da raffaelem Visualizza il messaggio
                                                    La quota maggiore di energia prodotta e contrassegnata come "Termoelettrica tradizionale" rappresenta la parte prodotta utilizzando "roba" come carbone, olio combustibile, gas naturale...

                                                    Per fare un discorso di bilancio ambientale, come quello che state tentando di fare, tra generatori a pellet e PDC bisogna come minimo risalire alla fonte, altrimenti si scambiano "ca$$i per appendiabiti" (come recita un detto locale )
                                                    Ovviamente la tua analisi e' corretta ma datata.Il grafico che hai postato e' fermo al 2016. Ora come ora, la percentuale green della energia elettrica e' ben aumentata. Rispetto al 2009 che era a circa il 5% adesso siamo a circa il 38%,ne consegue che piu' si alza la percentuale green, piu' si abbassa la percentuale di co2 emessa indirettamente dalla pdc. Quindi non e' un discorso che si sta tentando di fare. E' un dato di fatto. Semplicemente perche' rispetto al 2009 un pdc impiega ee che e' il 38% piu green. Ed e' destinata ancora a scendere, perche' la percentuale di energia green aumentera'. Con il pellet, e parlo del pellet, non si puo' certo dire la stessa cosa. Se si prova a pensare dal ramo al prodotto finito tutta la lavorazione necessaria, il trasporto, la plastica prodotta etc etc, gia' siamo messi male. Mettici la destinazione d'uso che e' bruciare, mi pare si sia detto tutto.
                                                    Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da raffaelem Visualizza il messaggio
                                                      @America certo diminuita, il senso di quel che ho postato che l'energia che consumiamo (la quota maggiore) non ad impatto zero... anzi

                                                      Per il resto sono del parere che bruciare qualsivoglia cosa (pellet, legna, cippato, nocciolino, sansa) per scaldarsi attualmente, alle soglie del 2020, roba da rivoluzione industriale inizio secolo... (per non dire medioevo :-) )

                                                      Ho un riscontro di gente che vive in case costruite lo scorso anno qui in paese che sono in classe A, comprate su progetto, e che si sono fatti installare una termostufa in salotto ed impianto a termosifoni
                                                      Un altro caso con pavimento radiante associato ad una solarfocus da 18k euro che consuma per 15kg di pellet a mese

                                                      Insomma, di gente "strana" o mal consigliata o semplicemente disinformata/disinteressata ce n' parecchia in giro.
                                                      E questo e' quel che dico io. Con case cosi', quale e' il senso della biomassa? La ricerca spasmodica del risparmio, convinti pure che con il pellet risparmi?
                                                      Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Da notare che anche i consumi totali sono diminuiti, che mi sento di attribuire oltre ad elettrodomestici sempre pi efficienti anche all'autoconsumo durante la produzione del FTV.

                                                        Inviato dal mio Redmi 4X utilizzando Tapatalk

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da max.c Visualizza il messaggio
                                                          Per in questo forum c' ancora chi sostiene che la biomassa sia ecosostenibile....
                                                          .
                                                          Con la legna, possibilmente a Km zero, e si puo fare, non sei lontano dalla sostenibilita'
                                                          Ma deve essere a Km zero e per legge legna Italiana. Solo cosi posso "capire" chi la usa....................
                                                          Il pellet andrebbe tassato per quello che inquina produrlo e spostarlo, viene dal Canada?? 3 euro sacco di tassa ambientale..........e cosi via
                                                          Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                          Utente EA dal 2009

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da fedonis Visualizza il messaggio
                                                            Con case cosi', quale e' il senso della biomassa?
                                                            Secondo alcuni per il "piacere" della legna.............anche se in caldaia non vedi la fiamma.............sara' ma io non ci credo, alle favole del 3 millennio
                                                            Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                            Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                            Utente EA dal 2009

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR