annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

incertezza impianto riscaldamento

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ti dico questo perché siccome volevo capire bene ho ottenuto la curva del cop con temperatura aria esterna - potenza pdc e questa si avvicina molto a quella ideale della pompa da 6kw invece per quella data 8kw, anche se mi da sicurezza con temperature -4, la curva che ottengo si allontana molto da quella di efficienza energetica della pdc. Vorrei quindi restare su quella da 6.
    Altra cosa siccome con quella da 6kw ci sto giusto giusto con t esterna -2..... con acs come si fa ?

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Tutte le hanno, o le possono avere come optional, proprio per motivo che dici. Se ogni 5 anni una resistenza da 3 kw deve lavorare 50 ore...non costa quasi nulla. Se una PDC deve lavorare make tutta la vita perche eccessiva, costa molto.

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ciao a tutti..... tutte le pdc hanno resistenza elettrica o solo alcune macchine ne sono provviste? Perché potrebbe essere la soluzione al mio problema..... prendere una macchina dimensionata al pennello e resistenza che può intervenire per aiutare la pdc in situazioni di emergenza con temperature estremamente basse..... anche se per pochi giorni.
    Grazie

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Mi avete abbandonato...... va beh......! Sono un rompiscatole

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ciao marcober un po di tempo fa mi avevi dimensionato la mia ipotetica pdc. Dai tuoi conti mi avevi detto che a 0 gradi avrei bisogno di una potenza di 4 kw quindi mi hai ipotizzato una pdc da 6kw.
    Vedendo il grafico delle potenze erogate della pdc ho visto che questa decresce al decrescere della temperatura. Per una pdc riello da 6kw a 0 gradi da 4 kw invece a -2 da 3,7kw quindi forse potrebbe essere sottodimensionata non so se ho detto delle grandi cavolate è per questo che mi affido a voi.
    Grazie

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Buongiorno a tutti, vorrei sapere nel dimensioniare una pdc quanto pesa in termini di potenza il contributo per la produzione di acs.
    Nel mio caso boiler da 300 litri e 4 persone.

    Lascia un commento:


  • kurdo
    ha risposto
    Originariamente inviato da fcattaneo Visualizza il messaggio
    No.. perche il modello 508 DB non è un accumulo ma è una HPSU Compact.Quindi il prodotto HPSU Compact da 4 Kw con accumulo da 500 lt esiste .. Controlla anche tu il listino o i dati tecnici e lo vedi..
    Buongiorno fcattaneo..
    Riprendo questo argomento perché anche io fatico a trovare questo prodotto..dai listini che ho io la HPSU COMPACT da 4 kW é abbinabile solo all'hybridcube da 300!
    Io vedo solo HPSU COMPACT 304 4H/C mentre col 508 parte da 6 H/C..
    Se tu hai listini in cui é presente potresti condividerli?
    Grazie mille

    Lascia un commento:


  • ligabue82
    ha risposto
    Siamo in fase embrionale...
    Adesso sto effettuando tracce e collegamenti per impianto idrico elettrico e fognario...
    Seguirà massetto e radiante con pompa di calore...
    In questo momento sono impegnato nella scelta dei bagni e del pavimento e purtroppo, a casusa del forte vento dei giorni scorsi, nel rifacimento di una ringhiera perimetrale che ha ceduto...
    Ma qui siamo OT...
    Aggiornerò di volta in volta sulla mia discussione...
    Spero di concludere entro l'anno...
    saluti

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Grazie per la risposta. Il tuo impianto? Come va? A che punto sei? Scelta componenti e configurazione......

    Lascia un commento:


  • ligabue82
    ha risposto
    Bè, più o meno è stato detto e ridetto più volte, ma provo a ricapitolare vantaggi e svantaggi:

    Gestione climatica: ottimizza il confort perchè la T interna varia e si adatta a quella esterna con congruo anticipo e l'utente finale non deve effettuare grosse variazioni/impostazioni una volta ottimizzata la curva climatica, ma penalizza un pò i consumi perchè normalmente quando serve più calore/energia (di notte) il COP è inferiore in quanto la T esterna è inferiore...

    Gestione a punto fisso: reagisce in ritardo alla variazione della T esterna perchè la gestione diventa quasi manuale, però si potrebbe "spingere" di più il funzionamento diurno (COP migliore e magari autoconsumo da FTV) e attenuare quello notturno.

    Io proverò a gestire a punto fisso, più o meno come fa marcober, che al massimo gestisce le ore di funzionamento nei vari periodi e all'occorrenza varia la T mandata.

    saluti

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ciao a tutti. Volevo chiedervi, quali sono i vantaggi e svantaggi di una gestione di un impianto radiante con Climatica oppure con T fissa modulata in base alle temperature esterne.

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ok capito. .......!
    Quindi vado nei FC ritorno nei rispettivi collettori di zona e qui metto la deviatrice che mi va nel radiante oppure ritorno in pdc. I FC dovranno essere messi in posizione tale che la mandata potrà fare questo percorso....... ma penso che un buon installatore non dovrebbe crearmi problemi per dirottarmi verso un'altra strada
    L'ideale sarebbe avere una deviatrice atomitizzata in modo che dal cronotermostato posso azionarla.
    Grazie marcober

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    http://climacomfort.altervista.org/w...g<br /> <br /> collettore di piano dentro la sua cassetta..la sua scatola..armadio..non so come chiamarlo...murata..con sportello...
    Ultima modifica di marcober; 28-02-2016, 13:46.

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Dimmi solo questo scatola di collettore di piano è una cosa invece il collettore del radiante è un'altra cosa entrambi alloggiati nello stesso posto

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Buon consiglio..... ma vorrei capire per poterlo spiegare

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    se hai 2 colettori..avrai 2 scatole (armadi murati con sportello) che li contengono..e in ognuno di quelli fai il bypass del relativo radiante...ma non è megli che sti dettagli li ved con chi deve farlo?

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Inoltre dovrei avere un unico bypass sul primo collettore del radiante in modo da escludere il primo e quindi anche il secondo per andare dritti al ritorno. GIUSTO?

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Quindi avrò due collettori per il radiante (zona giorno e notte ) invece scatola collettore di piano è unica e rappresenta il punto dove inizia la mandata (non mi è chiaro questo aspetto )

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    si.di solito si mette 1 collettore per piano.
    la conf è corretta.

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Scusa marcober ma sono "duro"......
    PDC------scatola collettore di piano (puoi chiarire questo componente)-------FC zona notte e giorno ------- ritorno in scatola collettore piano-------collettore radiante-------bypass on/off-------radiante-------ritorno-----accumulo 100l-------PDC
    Inoltre visto che ho 2 zone (giorno e notte ) dovrò avere due collettori per il radiante? La configurazione che ti ho proposto è giusta per 2 zone distinte della casa?

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    lo schema è banale..la mandata principale va nella scatola dle collettore di pinao..prosegie pe ril FC..torna ala scatola..entra nle collettore di mandata. E poisi aggiunge un bypass che permette di taglair fuori il radiante , cioè tutto il collettore..cosi da pote rusare il (o I) FC da soli.
    Ok per unico termostato di piano che ferma la circolazione del pinao (e spegne ventola del FC)
    .

    Se dai etta agli idraulico..loro mettono caldaia gas 35 kw ovunque..e buona notte all'efficienza..loro gadagnano e tu spendi..però il "sistema" funzione sempre= zero grane per loro.

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Grazie marcober per i tuoi consigli...... di sicuro la configurazione in serie che sto/stiamo pensando andrà in contrasto con l'installatore. Ho avuto solo un primo contatto e la sua linea è proprio quella che hai illustrato....... sarà dura ma spero anche con il vostro aiuto di riuscirci......
    Per la configurazione in serie io avrò zona notte e giorno, vediamo se sto pensando giusto:
    1 zona notte: FC - bypass radiante - collettore - R
    2 vado con mandata in zona giorno
    3 zona giorno: FC - bypass radiante - collettore - R
    Solo 2 termostati uno zona giorno e uno zona notte o al massimo nelle stanze poco utilizzate
    GIUSTO? posso proporlo o mi sfugge qualcosa? Mi aiuti a fare uno schema?

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    Originariamente inviato da carmine.faraone Visualizza il messaggio
    Stavo pensando alla configurazione in serie FC +R e chiaramente ho dubbi..... con questo sistema se l'impianto è diviso in zona notte 1 FC +R e zona giorno 2 FC +R posso andare prima su i FC anche se messi in zone diverse?
    Certo, basta che nelle rispettive SERIE i FC vengano prima.Io non capisco i tuoi dubbi....metti i FC in serie con un bypass del radiante....MAL CHE VADA in estate bypassi radiante e usi solo FC (anche se da possessore di radiante ti dico che non serve , se non scendi sotto 19 la condensa non la fai mai....e se scendi sotto 19 è ovvio che cominci a condensare prima sui FC e quindi di fatto asciughi aria e, di nuovo, sul pavimento non condensi mai...io ci ho provato...ho 2 FC nel vano scale , uno per piano, e mandavo 16 gradi a tutto....sui FC facevo condensa a tutto spiano, mentre sul pavimento nessuna condensa...la UR del piano era costante ovunque e in calo man mano che passavano le ore....unico mio problema, la condensa non mi si scarica in fogna ma la devo raccogliere sotto con una bacinella, esiste la raccolta ma mi manca lo scarico in fogna....erano previsti solo caldo..l PDC l'ho mesa 10 anni dopo...insomma , ti parlo perché ci ho provato e ho visto che funziona...se mi si rompono gli split aria aria invece di far riparare quelli, faccio fare lo scarico condensa ai 2 split e uso il radiante, molto più confortevole)

    Ovviamente è una configurazione poco ortodossa....quindi se ti rivolgi a termotecnico o installatore...te la sconsigliano..loro usano la papà pronta preparata 20 anni fa ..loro la rimescolano e la riscaldano...e poi a loro interessa venderti pezzi e controlli e deumidificatori in più , non in meno..capisci? Aggiungere 2 FC e basta rispetto magari a 8 FC, una centralina controllo umidità, oppure 2 deumidificatore acqua aria da collegare all'acqua del radiante..è ben altro guadagno per loro...

    Lascia un commento:


  • ciop1
    ha risposto
    Originariamente inviato da carmine.faraone Visualizza il messaggio
    Ma nessuno ha un impianto FC +radiante in serie?Ligabue sta realizzando in parallelo..... ma esperienze su un impianto in serie non si hanno? È fattibile.....?
    Hai provato a chiamare i centri assistenza di altre marche?Ad esempio sul sito della mitsubishi il centro assistenza più vicino a me e a 60km,ma a 20 km da casa mia c'e un installatore e centro assistenza mitsubishi,sono andato a parlare con loro e mi hanno spiegato che tante marche anche quelle più grandi non possono coprire tutta l'italia e si appoggiano a privati ,che dovranno fare corsi di aggiornamento ecc per diventare cat e che nel sito spesso non vengono menzionati.Morale chiama la mitsubishi o templari panasonic o quello che vuoi per chiedere dove si trovano i centri assistenza più vicini.Ciao luca

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ma nessuno ha un impianto FC +radiante in serie?
    Ligabue sta realizzando in parallelo..... ma esperienze su un impianto in serie non si hanno? È fattibile.....?

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ciop e come si fa se in zona non ci sono altri istallatori?

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Stavo pensando alla configurazione in serie FC +R e chiaramente ho dubbi..... con questo sistema se l'impianto è diviso in zona notte 1 FC +R e zona giorno 2 FC +R posso andare prima su i FC anche se messi in zone diverse?

    Lascia un commento:


  • ciop1
    ha risposto
    Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
    E allora chiedi alla scienziata architetta come farebbe a condensare sul pavimento se l'acqua fredda passa PRIMA sul fancoil ...
    A 7 km da casa mia ho la fabbrica dell'aermec e a 15 ho la riello ,e stranamente non ho preso in considerazione nessuna delle loro pompe di calore....sbaglio?Ciao Luca

    Lascia un commento:


  • marcober
    ha risposto
    E allora chiedi alla scienziata architetta come farebbe a condensare sul pavimento se l'acqua fredda passa PRIMA sul fancoil ...

    Lascia un commento:


  • carmine.faraone
    ha risposto
    Ok....!marcober Vero quello che dici......... ma dopo le conseguenze sono mie....... la teoria non sempre coincide con la pratica ma qui è scienza o è così o non è così........

    Lascia un commento:

Sto operando...
X
TOP100-SOLAR