annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Coibentazione tetto/sottotetto/mansarda: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI

Comprimi
Questa una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Salve a tutti, nella mia abitazione il piano sottotetto molto caldo d'estate.
    L'altezza di 260 cm al colmo e 175 in gronda mi farebbe desistere dall'isolamento interno, anche perch le travi e le pianelle mi piacciono molto e non vorrei doverle nascondere per fare insluflaggio o coibentazione interna.
    Allora pensavo ad un isolamento esterno; la stratigrafia del tetto :

    tegola portoghese
    guaina impermeabilizzante
    massetto 8 cm
    pianelle in cotto..

    Quale potrebbe essere una soluzione valida ed economica?
    Se avete anche il nome di qualche ditta che opera in zona Arezzo sarebbe cosa gradita..

    Sperando che questa situazione incredibile passi alla svelta.. Un saluto

    Commenta


    • Originariamente inviato da Armando46 Visualizza il messaggio
      Ciao Axoduss, il tetto non una parte della casa molto ben visibile, se non da lontano, cosa vedi di non gradevole ?

      Altra cosa sono gli eventuali problemi e la durata.
      Dipende dalla zona. Qui da me in centro storico , l'ufficio tecnico vieta il finto tegola.
      Nel tuo caso potrebbe essere permesso. Devi smantellare le vecchie tegole, valutare eventuale rifacimento impermeabilizzazione e montare una qualsiasi coibentazione e poi tegola. Puoi aanche mettere i pannelli fintotegola ma non avendo buona ventilazione farebbero poco per il caldo estivo anche se essendo esposto a nord forse potresti rischiare. Se come penso il sottotetto non abitabile, non hai diritto al 65 % ma solo 50 %.
      ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

      Commenta


      • Originariamente inviato da Lemo113 Visualizza il messaggio
        Salve a tutti, nella mia abitazione il piano sottotetto molto caldo d'estate.
        L'altezza di 260 cm al colmo e 175 in gronda mi farebbe desistere dall'isolamento interno, anche perch le travi e le pianelle mi piacciono molto e non vorrei doverle nascondere per fare insluflaggio o coibentazione interna.
        Allora pensavo ad un isolamento esterno; la stratigrafia del tetto :

        tegola portoghese
        guaina impermeabilizzante
        massetto 8 cm
        pianelle in cotto..

        Quale potrebbe essere una soluzione valida ed economica?
        Se avete anche il nome di qualche ditta che opera in zona Arezzo sarebbe cosa gradita..

        Sperando che questa situazione incredibile passi alla svelta.. Un saluto
        L'unica soluzione togliere le tegole, valutare rifacimento impermeabilizzazione, e poi mettere pacchetto isolante possibilmente in fibra di legno + pacchetto di copertura in tegola, ventilato.
        ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

        Commenta


        • Originariamente inviato da Lucas2 Visualizza il messaggio
          L'unica soluzione togliere le tegole, valutare rifacimento impermeabilizzazione, e poi mettere pacchetto isolante possibilmente in fibra di legno + pacchetto di copertura in tegola, ventilato.
          Un'ipotesi di spesa? Il tetto ha 4 falde sfalzate ...
          Il solo pannello sandwich posto sopra la guaina impermeabilizzante non sarebbe sufficiente?

          Commenta


          • Originariamente inviato da Lemo113 Visualizza il messaggio
            Un'ipotesi di spesa? Il tetto ha 4 falde sfalzate ...
            Il solo pannello sandwich posto sopra la guaina impermeabilizzante non sarebbe sufficiente?
            Il pannello sandwich non risolve il problema del caldo estivo. Ti serve una ventilazione naturale. Se la struttura sana e rifai solo isolamento , impermeabilizzazione e tegole, potresti cavartela anche con 100-150 euro al mq. Molto a spanne eh, devi farti fare preventivi per lo stesso tipo di lavoro ovviamente, non soluzioni diverse. Se fai anche delle foto al tetto ti possiamo aiutare.
            ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Lucas2 Visualizza il messaggio
              Il pannello sandwich non risolve il problema del caldo estivo. Ti serve una ventilazione naturale. Se la struttura sana e rifai solo isolamento , impermeabilizzazione e tegole, potresti cavartela anche con 100-150 euro al mq. Molto a spanne eh, devi farti fare preventivi per lo stesso tipo di lavoro ovviamente, non soluzioni diverse. Se fai anche delle foto al tetto ti possiamo aiutare.

              Il tetto quello cerchiato, considera che su una falda ho da poco fatto un impianto fotovoltaico che occupa pressoch tutta la falda...
              tetto.jpg

              Commenta


              • Originariamente inviato da Lemo113 Visualizza il messaggio
                Il tetto quello cerchiato, considera che su una falda ho da poco fatto un impianto fotovoltaico che occupa pressoch tutta la falda...
                [ATTACH=CONFIG]76138[/ATTACH]
                Vale quanto ho scritto sopra. Non ho capito bene per la struttura del tetto, in che senso pianelle in cotto ? possibile avere foto dell'interno ?
                Comunque quelle trasmettono un sacco il calore. A te serve un pacchetto isolante in fibra di legno con ventilazione sotto tegola. Il Fv andr rimosso e riposizionato.
                ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                Commenta


                • soldi buttati mettere fibra di legno con tutta la massa che ha gi quel tetto. pu tranquillamente usare lana di roccia/vetro ma anche xps o puliuretano volendo

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da francy.1095 Visualizza il messaggio
                    soldi buttati mettere fibra di legno con tutta la massa che ha gi quel tetto. pu tranquillamente usare lana di roccia/vetro ma anche xps o puliuretano volendo
                    si parla sempre di esterno giusto?

                    Commenta


                    • Buongiorno ragazzi!
                      Vi sono differenze tangibili, in caso di soffitta non abitabile con classico tetto A falda, nell'isolare il piano di calpestio o l'intradosso della copertura?
                      Grazie mille

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da luigi.g86 Visualizza il messaggio
                        Buongiorno ragazzi!
                        Vi sono differenze tangibili, in caso di soffitta non abitabile con classico tetto A falda, nell'isolare il piano di calpestio o l'intradosso della copertura?
                        Grazie mille
                        Semplice : nel primo caso eviti che il calore fugga dal tuo appartamento, nel secondo che, dopo, essere fuggito dal tuo appartamento fugga dal sottotetto. In parole povere dipende se vuoi tenere il sottotetto a una temperatura tiepida oppure preferisci mantenere tutto il caldo in casa.

                        Inviato dal mio Apollo11 utilizzando Tapatalk

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Lemo113 Visualizza il messaggio
                          si parla sempre di esterno giusto?
                          direi di si.
                          l'xps ha il vantaggio di essere impermeabile, ha meno massa (quindi peggiore sfasamento estivo) ma se non hai vincoli per lo spessore, visto che il materiale costa poco conviene mettere tanti cm di xps piuttosto che pochi di fibra di legno (che pi cara).
                          in caso di tetto in legno, magari a vista, invece solitamente si preferiscono lana di roccia/vetro o fibra di legno, che hanno appunto massa e migliori performance acustiche, ma non il tuo caso.

                          Commenta


                          • Essendo una soffitta non abitabile, direi che convenga la prima ipotesi.
                            Per proteggersi sia da caldo che da freddo, EPS pu andare oppure esiste altro materiale dal prezzo simile dalla prestazioni migliori?
                            Grazie mille

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da francy.1095 Visualizza il messaggio
                              direi di si.
                              l'xps ha il vantaggio di essere impermeabile, ha meno massa (quindi peggiore sfasamento estivo) ma se non hai vincoli per lo spessore, visto che il materiale costa poco conviene mettere tanti cm di xps piuttosto che pochi di fibra di legno (che pi cara).
                              in caso di tetto in legno, magari a vista, invece solitamente si preferiscono lana di roccia/vetro o fibra di legno, che hanno appunto massa e migliori performance acustiche, ma non il tuo caso.
                              Ma lui ha problema di caldo estivo.
                              ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Lucas2 Visualizza il messaggio
                                Ma lui ha problema di caldo estivo.
                                esatto, avevo anche pensato all'insuflaggio interno con cellulosa, ho travi in legno ma ero dubbioso in primis per l'efficacia dell'isolamento e poi per il timore che con isolanti interni si potessero creare problemi di muffe e condense...

                                Commenta


                                • Originariamente inviato da Lucas2 Visualizza il messaggio
                                  Ma lui ha problema di caldo estivo.
                                  ma se ha un solaio di laterocemento (quindi non abita il sottotetto), la massa garantita da quello

                                  Commenta


                                  • Originariamente inviato da francy.1095 Visualizza il messaggio
                                    ma se ha un solaio di laterocemento (quindi non abita il sottotetto), la massa garantita da quello

                                    Il sottotetto lo abito, ho bagno , lavanderia e camere

                                    Commenta


                                    • Originariamente inviato da francy.1095 Visualizza il messaggio
                                      ma se ha un solaio di laterocemento (quindi non abita il sottotetto), la massa garantita da quello
                                      Ma se non leggi ?
                                      ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                                      Commenta


                                      • non mi pare avesse scritto che aveva locali nobili li.
                                        un lavoro abbastanza impegnativo anche isolare in falda per dentro

                                        Commenta


                                        • L'ha scritto qui che ha un sottotetto con problemi di caldo interno estivo.

                                          Coibentazione tetto/sottotetto/mansarda: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
                                          ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                                          Commenta


                                          • non trovavo pi quel post -.-"
                                            comunque ha 8cm di massetto (+pianelle da capire lo spessore), bastano come massa. il problema che ha 0 isolamento.
                                            anche aggiungendo i soliti 14-16cm di xps dovrebbe arrivare ad un buon sfasamento, risparmiando rispetto alle varie fibre o lane

                                            Commenta


                                            • Originariamente inviato da francy.1095 Visualizza il messaggio
                                              non trovavo pi quel post -.-"
                                              comunque ha 8cm di massetto (+pianelle da capire lo spessore), bastano come massa. il problema che ha 0 isolamento.
                                              anche aggiungendo i soliti 14-16cm di xps dovrebbe arrivare ad un buon sfasamento, risparmiando rispetto alle varie fibre o lane
                                              Qualora volessi propendere per un isolamento interno, sfruttando le travi e mettendo fibra di cellulosa, quanti cm dovrei utilizzare?

                                              Commenta


                                              • Una domanda gente: leggevo da qualche parte che sia eps che xps sono ottimi isolanti per il freddo,ma,in virt della massa ridotta, poco per il caldo.
                                                Questo troverebbe nella pratica conferma nel forno crematorio in cui vivo: in inverno vivibilissimo, in estate una tragedia.
                                                Potete confermarmi questa teoria? Quale isolante scegliere che vada bene in entrambe le stagioni? Potrebbe essere una buona tecnica quella di usare 2 differenti isolanti per la soffitta?

                                                Commenta


                                                • Serve anche adeguata ventilazione sottotegola.
                                                  ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                                                  Commenta


                                                  • Si, infatti qualcosa vorremmo studiare: o installare delle bocche di lupo oppure magari mettere sotto colmo ai 2 lati della copertura delle griglie per favorire il ricircolo di aria, magari una bassa ed una alta..

                                                    Commenta


                                                    • Originariamente inviato da luigi.g86 Visualizza il messaggio
                                                      Si, infatti qualcosa vorremmo studiare: o installare delle bocche di lupo oppure magari mettere sotto colmo ai 2 lati della copertura delle griglie per favorire il ricircolo di aria, magari una bassa ed una alta..
                                                      Come provvedimento tampone va bene.
                                                      Ma hai gi isolamento sul tetto ?
                                                      Qual' la stratigrafia attuale ?
                                                      ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                                                      Commenta


                                                      • Originariamente inviato da luigi.g86 Visualizza il messaggio
                                                        Una domanda gente: leggevo da qualche parte che sia eps che xps sono ottimi isolanti per il freddo,ma,in virt della massa ridotta, poco per il caldo.
                                                        Questo troverebbe nella pratica conferma nel forno crematorio in cui vivo: in inverno vivibilissimo, in estate una tragedia.
                                                        Potete confermarmi questa teoria? Quale isolante scegliere che vada bene in entrambe le stagioni? Potrebbe essere una buona tecnica quella di usare 2 differenti isolanti per la soffitta?
                                                        Non una teoria, ma fisica
                                                        Non serve avere due materiali diversi. Si sceglie il materiale che con adeguato spessore isola sia dal freddo che dal caldo in funzione sia della struttura della casa sia della zona climatica.


                                                        Quindi, dove si trova la casa? Quanto spessa la soletta? Di che materiale fatta? Com fatta la copertura? E le travi di sostegno?
                                                        Ultima modifica di axoduss; 26-03-2020, 13:00.

                                                        Commenta


                                                        • Originariamente inviato da Lucas2 Visualizza il messaggio
                                                          Come provvedimento tampone va bene.
                                                          Ma hai gi isolamento sul tetto ?
                                                          Qual' la stratigrafia attuale ?
                                                          Nessun isolamento ad eccezione, credo,della guaina sotto al manto di copertura.

                                                          Originariamente inviato da axoduss Visualizza il messaggio
                                                          Non una teoria, ma fisica
                                                          Non serve avere due materiali diversi. Si sceglie il materiale che con adeguato spessore isola sia dal freddo che dal caldo in funzione sia della struttura della casa sia della zona climatica.


                                                          Quindi, dove si trova la casa? Quanto spessa la soletta? Di che materiale fatta? Com fatta la copertura? E le travi di sostegno?
                                                          Lucca,zona climatica D. Falda esposta nord-sud libera su 4 lati.
                                                          Solai in latero-cemento con manto di copertura in tegola portoghese.
                                                          Spessore della soletta onestamente la ignoro in questo momento: ai piani intermedi lo spessore del solaio di 30 cm

                                                          Commenta


                                                          • Con 30cm di fiocchi di cellulosa risolvi sia il caldo che il freddo.

                                                            in alternativa potresti anche usare lana di roccia ma con spessore minimo di 50cm.
                                                            Ultima modifica di axoduss; 26-03-2020, 18:59.

                                                            Commenta


                                                            • Originariamente inviato da luigi.g86 Visualizza il messaggio
                                                              Nessun isolamento ad eccezione, credo,della guaina sotto al manto di copertura.



                                                              Lucca,zona climatica D. Falda esposta nord-sud libera su 4 lati.
                                                              Solai in latero-cemento con manto di copertura in tegola portoghese.
                                                              Spessore della soletta onestamente la ignoro in questo momento: ai piani intermedi lo spessore del solaio di 30 cm
                                                              Lo spessore della falda non penso sia 30 cm, di solito 10-15 cm. Vale lo stesso principio anche per te, ovvero rimozione tegole, eventuale rifacimento impermeabilizzazione, posa isolante, idealmente fibra di legno, e poi ventilazione sottotegola. Problema caldo estivo risolto.
                                                              ABITAZIONE : consegnata nel 67, classe G circa 300 kWh/m^2 anno . RISCALDAMENTO : caldaia condensazione a gas metano su impianto a tubi a vista in rame con radiatori in ghisa classici. No raffrescamento. No VMC. No FV.

                                                              Commenta

                                                              Attendi un attimo...
                                                              X
                                                              TOP100-SOLAR